Finanziamenti beni culturali, M5S: “Latina ennesima grande assente”

Il capogruppo Ciolfi interviene sull’esclusione della città dagli interventi inseriti nel Piano strategico ministeriale

«L’esclusione di Latina dai finanziamenti ministeriali per interventi sul patrimonio culturale è una notizia che non avremmo voluto leggere. Tuttavia non sorprende. C’è poco da aspettarsi dopo la brutta figura rimediata con la candidatura a Capitale della Cultura 2026, in una città priva di assessorato al ramo e in cui gli unici segnali di fermento culturale arrivano da privati, associazioni e cittadini». Così il capogruppo del M5S, Maria Grazia Ciolfi, commenta l’assenza di Latina dai territori beneficiari della riprogrammazione delle risorse finanziarie operata dal Ministero della Cultura nell’ambito del Piano strategico “Grandi Progetti Beni Culturali”. «Un’assenza pesante per la nostra città, – continua Ciolfi – che stenta a ritagliarsi un ruolo sul piano culturale sebbene vanti un patrimonio di grande valore in termini storici, artistici e paesaggistici. Un patrimonio che non si riesce a valorizzare, a dispetto della decantata filiera di governo che evidentemente ancora non produce gli effetti desiderati». Sono 73 gli interventi finanziati dal Ministero della Cultura nell’ambito del Piano, nessuno riguarda il capoluogo pontino. «Anche Rieti e Viterbo fanno meglio di noi – sottolinea la consigliera – portando a casa 10 milioni di euro per la valorizzazione del proprio patrimonio.

Per Latina non c’è nulla, ma non possiamo pretendere considerazione laddove manca un assessorato precipuo e la delega è rimessa nelle mani della Sindaca. Dall’organigramma della nuova macrostruttura dell’ente, inoltre, si evince chiaramente come la cultura sia stata declassata a servizio privo di dirigenza dedicata, mentre dovrebbe essere elevata a dipartimento data l’importanza strategica che rappresenta per la città. Di fatto è stata ridimensionata e ridotta a mero ufficio, dove i funzionari in servizio fanno ciò che possono. È chiaro che chi governa la città non ritiene la cultura un tema fondamentale su cui investire né una leva strategica da cui derivano importanti opportunità di sviluppo e crescita. Eppure è proprio dalla cultura che si dovrebbe partire, non solo per stimolare il senso di appartenenza verso il territorio, ma anche per rendere tale peculiarità un volano per la città capoluogo e per la provincia». «Come su tutto, anche sul fronte culturale si naviga a vista: il principale teatro della città è ancora sprovvisto di un direttore artistico, il Cafaro è chiuso da quasi 9 anni e il progetto di risanamento attende ancora l’approvazione della Regione, l’ex Garage Ruspi e l’ex Banca d’Italia sono vuoti di contenuti e privi di destinazione. Quelle poche iniziative culturali sono appannaggio di associazioni e privati: è un bene che ci siano, ma sono completamente abbandonati a loro stessi perché manca anche un coordinamento delle proposte che arrivano dal basso. Non c’è da stupirsi se Latina, già fuori dalle rotte del turismo, resta fuori anche dai radar ministeriali. Questa amministrazione – conclude Ciolfi – sembra eccellere in un’unica disciplina: la collezione di pessime figure».

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Giornale digitale fondato nel 2022 con l'intento di offrire al territorio "Una voce oltre la notizia". Nasce dall'esigenza di un gruppo di giornalisti ed esperti di comunicazione di creare un canale di informazione attendibile, laico e indipendente che dia voce ai cittadini, alle imprese, ai lavoratori, agli studenti!

CORRELATI
ALTRI ARTICOLI

Elezioni – La Lega presenta l’on. Giovanna Miele e il generale Vannacci candidati in Europa

La presentazione in una conviviale serata a Latina Lido. La posizione di un no a un determinato tipo di green imposto da Bruxelles

Aprilia – Cantiere in via Scilla, l’attacco di Andrea Ragusa sui lavori non terminati

"In caso di incendio, potrebbe rappresentare un pericolo per le abitazioni limitrofe e sicuramente sempre, un ricettacolo di animali"

Progetto “Scuole sicure”: telecamere, controlli e lezioni di prevenzione con i fondi del Ministero

Sermoneta - L’ampliamento del sistema di videosorveglianza di Sicurezza Urbana è stato integrato con quello già esistente

Patti di collaborazione fermi e nessun coordinamento: la denuncia di Lbc

"Non solo non esiste una specifica delega assessorile che se ne occupi ma non c’è neppure una chiara volontà"

Sermoneta – Lina Mammaro si presenta alla cittadinanza

Sono intervenuti anche il candidato sindaco Giuseppina Giovannoli ed altri candidati al consiglio comunale nella lista “Per Sermoneta”

Partecipazione e il bene comune: parole d’ordine per “Insieme per Sermoneta”

"Una politica che affronta la complessità dei cambiamenti con coraggio e competenza", la proposta elettorale
- Pubblicità -

Condividi sui social

- Pubblicità -

Più letti

- Pubblicità -
- Pubblicità -