Sierra Leone, proteste contro il governo: vittime e coprifuoco

Hanno già perso la vita almeno tre persone fra dimostranti ed esponenti delle forze di sicurezza, stando a quanto riferiscono media locali

Sierra Leone – Si moltiplicano le condanne delle violenze e gli appelli alla calma in Sierra Leone, dove da giorni proseguono scontri fra le forze di sicurezza e i manifestanti che protestano contro l’aumento del costo della vita e contro il governo del presidente Julius Maada Bio. Nelle violenze hanno già perso la vita almeno tre persone fra dimostranti ed esponenti delle forze di sicurezza, stando a quanto riferiscono media locali. L’esecutivo, retto al momento dal vice presidente Juldeh Jalloh vista l’assenza del capo dello Stato, in vacanza in Gran Bretagna con la famiglia, ha reagito alle tensioni dichiarando un coprifuoco dalle tre del pomeriggio alle sei di mattina, riducendo l’accesso alla rete internet e ordinando l’intervento delle forze armate a sostegno della polizia. Il governo ha anche accusato le opposizioni di manipolare le proteste.

Le manifestazioni, cominciate lunedì, sono nate come una contestazione contro caro prezzi e crisi economica ma sono poi diventate una più ampia mobilitazione contro Maadi Bio. La piazza chiede ora le dimissioni del capo di Stato, accusato di corruzione, abusi verso la popolazione e incapacità di gestire la situazione.

Secondo i dati del Programma alimentare mondiale (Pam/Wfp), i prezzi di alcuni alimenti di base, come il riso, sono aumentati anche del 35% fra aprile e giugno, anche a causa degli effetti della guerra in Ucraina sulla catena di approvvigionamento mondiale di cibo. Yvonne Aki-Sawyerr, sindaca della capitale Freetown ed esponente di uno dei principali partiti di opposizione del Paese, l’All People’s Congress (Apc), ha lanciato un appello alla pace e al rifiuto della violenza con un video. La Comunità economica degli Stati dell’Africa occidentale (Ecowas), organismo regionale di cui la Sierra Leone è Stato membro, ha “condannato fortemente” le violenze e ha invitato le autorità di Freetown a “portare davanti alla giustizia” gli autori degli scontri. Stando a dati delle Nazioni Unite il 53% della popolazione del Paese africano vive al di sotto della soglia di povertà. La storia recente della Sierra Leone è stata segnata da una guerra civile che è durata 11 anni, tra il 1991 e il 2002, e ha causato la morte di decine di migliaia di persone.

- Pubblicità -
Simone Di Giulio
Simone Di Giulio
Direttore Responsabile Simone Di Giulio inizia a scrivere nel 2003 e nel 2006 entra nell’albo dei Pubblicisti dell’Ordine dei Giornalisti. Vanta diverse esperienze come redattore e corrispondente in alcuni quotidiani della provincia di Latina, come “Il Territorio” e “Il Tempo”. È stato direttore della rivista “Utopia Magazine”, del quotidiano online “Mondoreale” e caporedattore de “I Lepini”. Ha collaborato con alcune riviste e con enti pubblici ed ha partecipato come docente a corsi sulla comunicazione.

CORRELATI
ALTRI ARTICOLI

Brasile, si tuffa da una diga per un video estremo: star dei social muore annegato a 20 anni

Diego Kaua Oliveira Santos, alias Mc Dieguin Md è morto sotto gli occhi degli amici. Inutili i soccorsi. Aperta un'indagine

Francia, gli danno appuntamento su un sito di incontri ma era una trappola: 23enne ucciso a botte

Il giovane è stato massacrato da dei minorenni. Fermati un 14enne e un 15enne, mentre si cerca il terzo aggressore

Usa, sparatoria durante una festa: 2 morti e 14 feriti. Caccia ai killer

Tennessee - Secondo le autorità, alla festa, non autorizzata, nel parco di Orange Mound, c'erano 200-300 persone

Kenya, elicottero precipita e si schianta a terra: 9 morti. Tra le vittime il capo delle Forze armate

L'elicottero, che trasportava 11 persone, è precipitato poco dopo il decollo in una zona remota al confine con l'Uganda

Francia, assiste all’accoltellamento di 2 bambine: una 14enne muore d’infarto

La vittima aveva avuto un arresto cardiaco durante l'aggressione ed era stata subito soccorsa dagli insegnanti ma non ce l'ha fatta

Gaza, bimbo sopravvive ad un raid ma muore schiacciato dagli aiuti lanciati dal cielo

Il 13enne a novembre era stato estratto vivo da sotto le macerie della sua casa bombardata da Israele a Gaza
- Pubblicità -

Condividi sui social

- Pubblicità -

Più letti

- Pubblicità -
- Pubblicità -