Sciopero dei trasporti: il venerdì nero dei pendolari

Dalle 21 di ieri sera, 16 giugno, fino alle 21 di oggi 17 giugno, è stato indetto uno sciopero generale dei trasporti in tutta Italia

Venerdì ‘nero’ per i pendolari: dalle 21 di ieri sera, 16 giugno, fino alle 21 di oggi 17 giugno, è stato indetto uno sciopero generale dei trasporti in tutta Italia. L’agitazione sindacale è stata proclamata dalle sigle Al Cobas, Cub Pi, Fao, Lmo, Sgc, Slaiprolcobas e Soa. Coinvolti treni, trasporto pubblico locale, ma anche collegamenti marittimi con le isole e autostrade, come riportato dal Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibile.

Le motivazioni che hanno spinto le associazioni a mettere in campo questa iniziativa sono le seguenti: “Contro la guerra; per il rispetto della Costituzione italiana e per l’eliminazione di ogni discriminazione sanitaria e d’opinione; contro ogni forma di licenziamento, per la sicurezza sul lavoro e per un salario minimo intercategoriale; contro i rincari speculativi dei prezzi; contro ogni uso strumentale dello stato d’emergenza; contro ogni forma di limitazione del diritto di sciopero; contro il “jobs act” e la legge Fornero”.

Trenitalia ha fatto però sapere che in occasione dello sciopero le Frecce e gli Intercity circoleranno regolarmente. Saranno garantiti anche i collegamenti dei treni regionali nelle fasce pendolari (6.00-9.00 e 18.00-21.00).  Nel comunicato della compagnia si legge: “Trenitalia si impegna ad assicurare la quasi totalità dei collegamenti, con possibili leggere modifiche al programma dei treni”. FS ricorda altresì che: “poiché in corso di sciopero si potrebbero verificare variazioni non preventivabili (es.: modifica di itinerario per i treni a lunga percorrenza), è importante prestare la massima attenzione ai comunicati diffusi nelle stazioni e dagli organi d’informazione. I treni che si trovano in viaggio a sciopero iniziato arrivano comunque alla destinazione finale se è raggiungibile entro un’ora dall’inizio dell’agitazione sindacale; trascorso tale periodo, i treni possono fermarsi in stazioni precedenti la destinazione finale”.

- Pubblicità -
Simone Di Giulio
Simone Di Giulio
Direttore Responsabile Simone Di Giulio inizia a scrivere nel 2003 e nel 2006 entra nell’albo dei Pubblicisti dell’Ordine dei Giornalisti. Vanta diverse esperienze come redattore e corrispondente in alcuni quotidiani della provincia di Latina, come “Il Territorio” e “Il Tempo”. È stato direttore della rivista “Utopia Magazine”, del quotidiano online “Mondoreale” e caporedattore de “I Lepini”. Ha collaborato con alcune riviste e con enti pubblici ed ha partecipato come docente a corsi sulla comunicazione.

CORRELATI
ALTRI ARTICOLI

Auto si schianta contro un’abitazione e si ribalta: 18enne vola fuori dall’abitacolo, morta sul colpo

Caserta - Inutili i soccorsi per la vittima. Ferite gravemente altre due ragazze che erano a bordo, entrambe 34enni

Travolto e schiacciato da un mezzo agricolo: 18enne muore davanti ad un collega

Lodi - Inutili i tentativi di soccorso, il ragazzo non ce l'ha fatta. L'altro giovane che ha assistito all'incidente ha accusato un malore

Spara e uccide l’anziana madre, poi si barrica in casa e si toglie la vita

Ancona - Il 51enne soffriva di disturbi psichici. Dopo aver ammazzato la madre ha avvisato il fratello del gesto

Colto da malore mentre fa immersione: sub muore in mare sotto gli occhi della sorella

Gallipoli - A dare l'allarme è stata appunto la familiare, insospettita perché la boa del sub era ferma da troppo tempo nello stesso punto

Litiga con la madre e la uccide accoltellandola alla schiena: fermato il 27enne

Cagliari - A lanciare l'allarme il marito della vittima che, al momento dell'aggressione, si trovava in un'altra stanza

Orrore sui binari, madre e figlia travolte e dilaniate da un treno: ipotesi suicidio

Montesilvano - Le due sono state viste camminare mano nella mano vicino i binari. Al momento si pensa ad un gesto volontario
- Pubblicità -

Condividi sui social

- Pubblicità -

Più letti

- Pubblicità -
- Pubblicità -