Fermata Alzheimer: tutte le iniziative nel Lazio

L’obiettivo del Gruppo Korian è sensibilizzare sul tema dell’Alzheimer in modo pratico, ma soprattutto accessibile a tutti

In occasione della Giornata Mondiale dell’Alzheimer che si terrà il prossimo 21 settembre, riparte Fermata Alzheimer, progetto del Gruppo Korian giunto alla sua quinta edizione e pensato per diffondere informazioni utili e sensibilizzare sul tema dell’Alzheimer in modo pratico e accessibile a tutti, oltre che per dare un supporto concreto a caregiver e malati.

Un’iniziativa di carattere nazionale, che vede coinvolte molte strutture del Gruppo, anche del Lazio, e che si pone l’obiettivo di aiutare le persone a guardare questa malattia invisibile con occhi più consapevoli. Cuore del progetto è il percorso sensoriale “Alzheimer in Lab”, profondamente rinnovato rispetto al passato.  Un vero e proprio viaggio tridimensionale alla scoperta delle sensazioni e delle emozioni di chi è affetto da questa malattia, che porterà gli utenti a conoscerne le implicazioni, le evoluzioni e a scoprire suggerimenti pratici su come organizzare al meglio gli spazi domestici e la routine quotidiana per mettere a proprio agio chi soffre di Alzheimer.

L’obiettivo del Gruppo Korian è sensibilizzare sul tema dell’Alzheimer in modo pratico, ma soprattutto accessibile a tutti: per questo, Alzheimer in Lab sarà fruibile nelle strutture Korian con il supporto dei Professionisti della cura, ma sarà a disposizione anche online sul sito Korian (https://spaziosalute.korian.it/webinar/alzheimer-in-lab/), previa registrazione gratuita, per consentire a chiunque di averne accesso: un’ulteriore dimostrazione della volontà del Gruppo, attraverso il suo essere Società Benefit, di arrivare alle persone con progetti e attività di beneficio comune.

Oltre ad Alzheimer in Lab, sono tanti gli eventi e gli appuntamenti, online e offline, pensati per la cittadinanza: dal supporto professionale degli specialisti con consigli e suggerimenti, agli sportelli one to one per ricevere consulenza specialistica e personalizzata, passando per workshop tematici e gratuiti per conoscere attività e strumenti utili per affrontare l’Alzheimer.

In Korian la cura delle persone affette da Alzheimer e il sostegno ai loro caregiver è da sempre una priorità. Portare per il quinto anno su tutto il territorio italiano un progetto così di valore come Fermata Alzheimer, quest’anno rinnovato in chiave tecnologica, è per noi un momento cruciale, perché attraverso l’esperienza e il know-how sviluppato negli anni, possiamo offrire un supporto di qualità a tutte le persone che devono affrontare questa malattia” ha commentato Federico Guidoni, Presidente e CEO di Korian Italia. “Con questa iniziativa vogliamo contribuire a generare maggior interesse su una patologia che troppo spesso passa sotto traccia e che oggi, solo in Italia, coinvolge oltre 900mila malati tra Alzheimer e demenze, per dare un aiuto concreto a tutti i caregiver, affinché non si sentano soli. Il nostro approccio, il positive care, uno dei nostri impegni come Società Benefit, si sviluppa dando priorità ai bisogni della persona: tendere una mano, con empatia e gentilezza, a chi soffre di Alzheimer è il primo passo per combattere la malattia.”, ha concluso Guidoni.

Ogni 68 secondi, nel mondo, una persona si ammala di Alzheimer. Un dato che ben rappresenta la dimensione del fenomeno e l’urgenza di affrontarlo – ha spiegato il dott. Luca Maria Munari, Neurologo, Medical & Care Director di Korian in Italia -. Sebbene non siano ancora state scoperte cure efficaci per l’Alzheimer, sappiamo che l’utilizzo di alcuni farmaci specifici nelle fasi iniziali della malattia può mantenere più a lungo la persona in uno stato mentale e generale compatibile con una buona qualità di vita. I farmaci però non bastano: l’efficacia di queste terapie può essere potenziata da una serie di interventi che stimolano la memoria e l’orientamento spazio-temporale, a patto di riconoscere subito la malattia. Il percorso ideato da Korian offre il supporto di un team multi-professionale esperto sempre disponibile a fianco della famiglia per affrontare i problemi quotidiani. Convivere con un familiare affetto da questa malattia significa infatti prepararsi a una vita molto organizzata e che richiede una grande attenzione ad ogni cambiamentonel comportamento della persona”.

In Lazio saranno coinvolte ben 9 strutture: RSA Villa Benedetta a Viterbo, Villa Azzurra a Terracina (LT), Parco delle Rose & Residenza Olimpia a Roma, l’ITALIAN HOSPITAL GROUP – Centro Diurno D.C.C.G a Guidonia (RM), Residenza Aurelia a Santa Marinella (RM), Villa Margherita a Rocca Priora (RM), l’RSA San Giuseppe a Roma e Villa Silvana e Villa Carla ad Aprilia (LT).

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Giornale digitale fondato nel 2022 con l'intento di offrire al territorio "Una voce oltre la notizia". Nasce dall'esigenza di un gruppo di giornalisti ed esperti di comunicazione di creare un canale di informazione attendibile, laico e indipendente che dia voce ai cittadini, alle imprese, ai lavoratori, agli studenti!

CORRELATI
ALTRI ARTICOLI

Giornata mondiale del cervello, oggi si celebra il World Brain Day: l’importanza della prevenzione

La Giornata mondiale del cervello 2024 è dedicata alla salute del cervello e alla prevenzione: i progressi della medicina

Disturbi mentali, nel Lazio ne soffrono 1,5 milioni di persone: depressione sempre più diffusa

Regione Lazio fanalino di coda per investimenti. Arrivano dagli esperti 6 proposte per una migliore presa in carico dei pazienti

Long Covid, molti pazienti manifestano disturbi dell’equilibrio: colpa della neuroinfiammazione

Le speranze di cura da uno studio internazionale. Numerosi i pazienti che continuano a manifestare sintomi dopo anni

Acqua potabile, conforme in quasi il 100% delle case: ma un italiano su tre non si fida

Lo afferma il primo rapporto elaborato dal Centro Nazionale per la Sicurezza delle Acque dell’Istituto Superiore di Sanità

Cambiamenti climatici, gli effetti degli eventi estremi sulla salute non possono essere ignorati

L’Istituto Superiore di Sanità (ISS) è in prima linea nelle azioni di ricerca e mitigazione dei rischi associati ai cambiamenti climatici

Caldo e medicine, come conservarle in viaggio e in vacanza: i consigli dell’Aifa

Attrezzarsi con borse refrigerate per il trasporto, preferire le compresse, evitare di mettersi al sole dopo l'assunzione
- Pubblicità -

Condividi sui social

- Pubblicità -

Più letti

- Pubblicità -
- Pubblicità -