Adinolfi: “Su rischio idrogeologico risorse del PNRR insufficienti”

La nota dell'europarlamentare della Lega Gruppo ID riguardo ai recenti eventi di alluvioni e calamità naturali

“Di fronte ai recenti eventi di alluvioni e calamità naturali, che hanno radici nell’abbandono del territorio e nei cambiamenti climatici, non possiamo rimanere inerti ed è necessario un cambio di passo. Fino ad ora abbiamo pensato solo a gestire il post-emergenza, ora è tempo di intervenire per scongiurare il ripetersi delle tragedie. Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) ha stanziato 2,5 miliardi di euro per la prevenzione del dissesto idrogeologico, ma serve una cifra molto più alta – almeno 10 miliardi di euro all’anno per 10 anni, per un totale di 100 miliardi di euro per ridurre il rischio e prevenire il dissesto.” Lo afferma il parlamentare europeo della Lega Gruppo ID Matteo Adinolfi.

“In Italia, 6,7 milioni di persone vivono in Comuni con rischio idrogeologico elevato, di cui il 58% in montagna. La pianificazione territoriale e l’attuazione della Strategia Forestale Nazionale sono elementi essenziali per la prevenzione del dissesto idrogeologico. Gli 11 milioni di ettari di boschi, rappresentando un terzo della superficie complessiva del Paese, necessitano di una gestione accurata e certificata: è del tutto evidente che non drenano più. Troppi condoni e molto abusivismo anche nelle aree montane hanno messo da parte la tutela dell’ecosistema e questo a scapito della sicurezza delle popolazioni. Il dibattito sul dossier relativo al Meccanismo Unionale di Protezione Civile (UCPM), ha fatto emergere come la drammaticità del fenomeno del rischio idrogeologico sia sconosciuto alla maggior parte dei paesi europei, e questo mentre le calamità che si ripetono continuano a causare perdite di vita umane”.

“Per questo come Lega Gruppo ID ci impegniamo ad ottenere che risorse adeguate siano destinate alla prevenzione piuttosto che ai rimedi post calamità. Chiediamo che siano realizzate opere specifiche di mitigazione del rischio ma anche un attento e costante monitoraggio del territorio, fondamentale per conoscere le condizioni di vulnerabilità e di pericolosità, valutando anche l’efficacia delle opere realizzate e pianificando azioni ed interventi futuri. Sono interventi in ambito locale, nazionale ed europeo che non possono più essere rimandati”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Giornale digitale fondato nel 2022 con l'intento di offrire al territorio "Una voce oltre la notizia". Nasce dall'esigenza di un gruppo di giornalisti ed esperti di comunicazione di creare un canale di informazione attendibile, laico e indipendente che dia voce ai cittadini, alle imprese, ai lavoratori, agli studenti!

CORRELATI
ALTRI ARTICOLI

Centri estivi per bambini disabili, PD: “Amministrazione in grave ritardo”

Chiesta la convocazione della commissione Servizi Sociali. Il gruppo consiliare del Pd vuole vederci chiaro

Conferenza dei sindaci per la sanità, Principi: “Soddisfatti dalle proposte del Commissario Cenciarelli”

"Nel tempo, la nostra sanità pubblica ha dovuto evolversi, adeguarsi ai tempi e alle nuove esigenze di cura dei pazienti"

“Partecipazione”, l’incontro organizzato da Lbc

Durante l’incontro sarà proiettato un video che illustra la realizzazione e gli obiettivi dei patti di collaborazione

Nucleare, il Consiglio vota compatto contro la riattivazione di Latina

Ciolfi: "Ha prevalso l’interesse del territorio sulle posizioni divergenti. Ora trasmettere la decisione al Governo"

Incidente sul lavoro a Latina, Giovannini (Italia Viva): “Combattere il caporalato”

"Sembra una cosa assurda da credere ma, invece è la realtà dei fatti, e dimostra il livello a cui stiamo arrivando"

Incidente sul lavoro, ordine del giorno per la costituzione di parte civile in Consiglio comunale approvato all’unanimità

L’ordine del giorno approvato sulla tematica è stato proposto, ad inizio seduta, dai gruppi di minoranza del consiglio
- Pubblicità -

Condividi sui social

- Pubblicità -

Più letti

- Pubblicità -
- Pubblicità -