8 morti e 2500 infortuni sul lavoro nel 2022: il drammatico bilancio a Latina e provincia

Sono decisamene preoccupanti i dati sugli infortuni sul lavoro riportati nell'analisi dell'Inail riferita a inizio 2022

Sono decisamene preoccupanti i dati sugli infortuni sul lavoro riportati nell’analisi dell’Inail riferita al periodo tra gennaio e maggio 2022.

Un aumento (del 20% in generale, e del 10% degli infortuni mortali) che ha spinto alla riflessione i vertici dell’Ugl: “Dai numeri nazionali – spiega il sindacato in una nota – il dato degli infortuni al maggio del 2022 è di 323.806 rispetto allo stesso periodo del 2021 di cui era 219.262, le denunce con esito mortale sono 364 contro alle 434 del 2021 stesso periodo. Nel coordinamento tenutosi tra La segreteria regionale della Ugl Lazio e l’associazione Alis sono stati analizzati anche i dati riguardando il Lazio. Andando ad analizzare i dati delle tabelle open data della Regione Lazio, registriamo 25.266 infortuni rispetto ai 15.180 dello stesso periodo maggio 2021 dei quali 37 con esito contro i 42 dello stesso periodo”.

Per quanto riguarda poi i dati delle singole province, a Frosinone si sono registrati 1.363 di cui 8 con esito mortale, a Latina 2.420 di cui 8 con esito mortale, Rieti 665 di cui 0 con esito mortale, Roma 19.521 di cui 21 e Viterbo 1.297 di cui 0 con esito mortale. “Se consideriamo gli infortuni in itinere – continua l’Ugl – registriamo con mezzo di trasporto 1.611 e senza mezzo di trasporto 2.046 per un totale di 3.657. Delle malattie professionali registrate nel Lazio in totale a maggio 2022 sono 1.814 che se le analizziamo per singola provincia abbiamo Frosinone 532, Latina 317, Rieti 193, Roma 630 e Viterbo 142”.

“Purtroppo – continua l’Ugl – questi sono dati parziali in quanto dalla pubblicazione Inail di maggio abbiamo già rilevato altri tristi aggiornamenti. I responsabili Armando Valiani segretario regionale Ugl e il presidente dell’Associazione Alis – Associazione Lavoratori Italiani per la Sicurezza Wladymiro Wysocki hanno osservato i dati ed evidenziano un elemento importante in merito alla crescita delle malattie professionali dovute in parte anche al numero di denunce di infortunio da Covid-19 e in parte alla crescita degli infortuni ‘tradizionali'”. “Come possiamo vedere e come evidenzia Inail le morti sul lavoro sono ridotte ma è un dato causato dall’effetto dei contagi e delle restrizioni Covid-19, quindi un dato che non ci incoraggia, poiché se analizziamo i dati con il contesto sociale in realtà i dati di infortunio mortale sono saliti del 10%. Certamente con maggiori azioni correttive a fianco dei lavoratori e delle aziende inoltre possiamo dare un maggiore contributo e sicuramente con una politica attiva volta alla cultura della sicurezza che parte da una formazione e un addestramento specifico sensibilizzando il mondo della scuola, futuri lavoratori, imprenditori ed il mondo datoriale”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Giornale digitale fondato nel 2022 con l'intento di offrire al territorio "Una voce oltre la notizia". Nasce dall'esigenza di un gruppo di giornalisti ed esperti di comunicazione di creare un canale di informazione attendibile, laico e indipendente che dia voce ai cittadini, alle imprese, ai lavoratori, agli studenti!

CORRELATI
ALTRI ARTICOLI

Convenzione di 10 anni tra il Comune di Cisterna e Sapienza per il laboratorio “Pomos”

Stipulata la concessione di una porzione dell’immobile di proprietà comunale in via delle Province per il Polo per la Mobilità Sostenibile

Prende forma a Fondi il Centro Diurno e Caffè Alzheimer del Sovrambito LT4+LT5

In via Occorsio gli spazi per un massimo di 30 persone affette da questa malattia neurodegenerativa e per i rispettivi familiari

Lo spreco alimentare aumenta l’inquinamento, ecco le regole per evitarlo

In Italia si evince come lo spreco alimentare sia generato per il 70% dal consumo domestico e da quello fuori casa

70° Stormo, una giornata dedicata alla sicurezza del volo: l’incontro

Al via il primo incontro sulla prevenzione e sulla cultura della sicurezza del volo tra operatori militari e civili del territorio pontino

Mega-ponte del 25 aprile e Primo maggio, cos’è lo ‘spring break’ che conquista l’Italia

La vicinanza dei ponti ha spinto molti italiani a meditare una pausa che somiglia molto allo 'spring break' che si fa in tanti paesi europei

Scuola Ferrovia e Stop al Vandalismo: l’evento alla Stazione ferroviaria di Formia

Si svolta la fase conclusiva del progetto che ha coinvolto oltre mille studenti dei diversi istituti del territorio
- Pubblicità -

Condividi sui social

- Pubblicità -

Più letti

- Pubblicità -
- Pubblicità -