Sezze – Centro di aggregazione giovanile, dalla Regione arrivano 100mila euro

Il progetto, che avrà una durata di 18 mesi, interviene su circa 200 giovani in età 14-20 e 350 giovani dai 21 ai 35 anni

Centomila euro per la creazione di un centro di aggregazione giovanile che verrà realizzato all’interno del “Calabresi” di Sezze.

È questa la buona notizia per l’ente che arriva direttamente dalla Regione Lazio, che ha licenziato la determinazione n. G16349 del 05 dicembre 2023, nella quale si approva la richiesta di finanziamento proposta dal Comune di Sezze: “Siamo davvero soddisfatti – ha spiegato l’assessore Lola Fernandez – soprattutto perché il nostro progetto è stato valutato con un incoraggiante punteggio di 92 su 100, il terzo nella graduatoria regionale, chiaro segnale della bontà delle proposte presentate dall’ente, che tramite questa nuova struttura potrà dare risposte alle famiglie e alle scuole locali”.

Il progetto, che avrà una durata di 18 mesi, interviene su circa 200 giovani in età 14-20 e 350 giovani dai 21 ai 35 anni: “Sarà – ha spiegato non nascondendo la propria soddisfazione l’assessore Michela Capuccilli – un luogo di socializzazione inteso come un contenitore di opportunità e relazioni basato sul protagonismo e la partecipazione attiva dei ragazzi e delle ragazze di Sezze oltre che un cantiere culturale per valorizzarne linguaggi, culture e forme espressive; un contesto aggregativo e ricreativo, a libero accesso, che metta a disposizione spazi in cui i ragazzi possano esprimere sé stessi”.

Il programma delle attività è stato costruito e condiviso attraverso un’attività di co-progettazione con 9 organizzazioni del territorio, 3 associazioni giovanili e un gruppo informale di giovani che collaboreranno con l’amministrazione comunale nella gestione del Centro di Aggregazione Giovanile. Il progetto contribuirà a migliorare la fruizione del centro “Calabresi” per le categorie più fragili, ad attrezzare le sale del centro con materiale informatico e audiovisivo e a riqualificare il campo di bocce annesso l’edificio principale come spazio di gioco e socializzazione. Inoltre, sono previste attività di animazione giovanile e di integrazione interculturale dei giovani, che stimoleranno i partecipanti a rapportarsi meglio con il territorio e la comunità locale, permettendoli di acquisire skill trasversali spendibili anche nel mercato del lavoro: “Un risultato importante per il Comune di Sezze – ha spiegato il sindaco Lidano Lucidi – che per la prima volta riesce a realizzare un’iniziativa così importante e partecipata dalla sua comunità giovanile”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Giornale digitale fondato nel 2022 con l'intento di offrire al territorio "Una voce oltre la notizia". Nasce dall'esigenza di un gruppo di giornalisti ed esperti di comunicazione di creare un canale di informazione attendibile, laico e indipendente che dia voce ai cittadini, alle imprese, ai lavoratori, agli studenti!

CORRELATI
ALTRI ARTICOLI

Terracina – Collegamenti con le isole: la maggioranza risponde a Di Sauro

"Da subito ci siamo mossi per impedire che il nostro porto venisse escluso dal trasporto merci per le isole"

Turismo, Palazzo: “Congratulazioni a nuovi vertici Enit, pronti a collaborare”

"Forte del supporto del Ministero del Turismo, si prospetta un futuro di pieno rilancio del turismo in Italia e nella nostra regione"

Sanità, rinnovato accordo per mille euro al mese ai medici di pronto soccorso

Il provvedimento è frutto di un accordo tra la Direzione Salute e Integrazione sociosanitaria e le organizzazioni sindacali

Agricoltura, stanziati 150mila euro per lotta biologica a cimice asiatica e moscerino dei piccoli frutti

Il provvedimento affida all'Agenzia regionale per lo Sviluppo e l'Innovazione dell'Agricoltura l'attivazione e la gestione dei progetti

Rete dei musei, a Piana delle Orme la firma del protocollo d’intesa

"La Rete dei musei ci dà un’ulteriore carica per affrontare l’audizione al Ministero della Cultura per la Capitale Italiana della cultura"

Regione – Carceri, Regimenti: “Investire nel reinserimento sociale dei detenuti”

"Il carcere non può essere solo uno strumento di punizione, ma deve avere come scopo primario quello di reinserire il colpevole nella società"
- Pubblicità -

Condividi sui social

- Pubblicità -

Più letti

- Pubblicità -
- Pubblicità -