Arresti domiciliari per l’investitore del piccolo Romeo, il 18enne è accusato di omicidio stradale aggravato

Con la pesantissima accusa di omicidio stradale aggravato, è stato arrestato Nicholas Stravato, il 18enne di Fondi che ha investito Romeo

Con la pesantissima accusa di omicidio stradale aggravato, è stato arrestato Nicholas Stravato, il diciottenne di Fondi che sarebbe il responsabile dell’investimento mortale del piccolo Romeo Golia, avvenuto a Terracina. Il gip ha accolto la richiesta formulata dal pm Giuseppe Bontempo e questa mattina il provvedimento è stato notificato al giovane.

I fatti contestati risalgono al cinque agosto quando, sul lungomare di Terracina, nei pressi del Pisco Montano, la polo dell’accusato ha investito ed ucciso il bimbo, di appena undici anni di Napoli, mentre stava attraversando sulle strisce pedonali insieme alla mamma Titta e alla zia Sara. In seguito al suo fermo, il ragazzo era stato trovato positivo al test antidroga.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Giornale digitale fondato nel 2022 con l'intento di offrire al territorio "Una voce oltre la notizia". Nasce dall'esigenza di un gruppo di giornalisti ed esperti di comunicazione di creare un canale di informazione attendibile, laico e indipendente che dia voce ai cittadini, alle imprese, ai lavoratori, agli studenti!

CORRELATI
ALTRI ARTICOLI

Rapina un negozio e picchia il titolare, arrestato un 35enne

Sabaudia - Nel corso della rapina l'uomo rubava anche 60 euro al titolare del negozio. Arrestato in flagranza

Due rapine in due giorni in periferia, indagini in corso

Latina - Colpiti un'attività ricettiva in zona Ferriere e un negozio di prodotti per la casa a Borgo Montello

Controlli ad “Alto Impatto”: sanzionata un’attività e denunciato un giovane armato

Latina - Inoltre, sottoposti a controllo della circolazione stradale 25 persone e 13 veicoli con 3 contravvenzioni al codice della strada

Regione – Due detenuti anziani e malati morti nel giro di poche ore: aperta un’inchiesta

Il Garante Anastasia denuncia: "L'incompatibilità della detenzione con le malattie gravi". Ora sarà la Procura a fare luce sui decessi

Incendio distrugge un’azienda di calcestruzzi e bitume: indagini in corso

Aprilia - Al termine delle operazioni di spegnimento i Vigili del fuoco iniziavano la bonifica. Sconosciute le cause del rogo

Sorpresi a coltivare una piantagione di canapa e con 200 grammi di marijuana: in manette due 35enni

I Carabinieri di Borgo Sabotino hanno tratto in arresto due 35enni in flagranza del reato di coltivazione di sostanza stupefacente
- Pubblicità -

Condividi sui social

- Pubblicità -

Più letti

- Pubblicità -
- Pubblicità -