Esenzioni Tari agricoltori e moratoria liti pendenti, Aprilia Civica chiede i provvedimenti

I molteplici avvisi di accertamento e le ingiunzioni di pagamento inviati dall’amministrazione comunale hanno amplificato le difficoltà

Esenzione Tari per i fabbricati posseduti dagli agricoltori e una moratoria per la definizione delle liti pendenti. La coalizione Aprilia civica chiede con forza l’applicazione urgente di questi due provvedimenti.

I molteplici avvisi di accertamento e le ingiunzioni di pagamento inviati dall’amministrazione comunale hanno amplificato le difficoltà già note di uno dei principali settori produttivi della nostra città.

In vista dell’approvazione del prossimo bilancio di previsione 2024 è necessario affrontare con decisione una questione che da troppo tempo va avanti senza che siano arrivate parole chiare a sostegno delle richieste avanzate dal mondo agricolo.

La risposta arrivata in queste ore dalla giunta di centrodestra, che tralascia gli impegni assunti durante il Consiglio comunale, ci ha lasciati senza parole in un momento come quello attuale dove le richieste del mondo agricolo sono al centro del dibattito politico.  

Il modus operandi del primo cittadino, anche in questo caso superficiale e passivo, non porta a risolvere un problema di grande impatto e rilevanza per il nostro tessuto produttivo.

In modo responsabile abbiamo, evitando strumentalizzazioni politiche, presentato una mozione di Consiglio comunale con primo firmatario Davide Tiligna per individuare tutti insieme i possibili rimedi ad una situazione ormai divenuta insostenibile. La risposta del sindaco Principi è stata superficiale e priva di una decisa volontà politica. La questione legata ai nostri agricoltori è urgente ma non sembra entrare nell’agenda politica di questa maggioranza come una priorità. Il sindaco dice di agire come un buon padre di famiglia ma a noi pare che non ascolti alcuni dei suoi figli, quelli in difficoltà. 

Oggi alla vigilia dell’approvazione del più importante atto di programmazione politico-economico della nostra città non possiamo più tollerare le indecisioni della giunta Principi e chiediamo che forza l’esenzione complessiva del settore dall’ambito di applicazione della Tari.

Riteniamo che la nostra richiesta abbia un supporto normativo in virtù delle novità introdotte dal Decreto Legislativo n. 116 del 2020 che con riferimento ai rifiuti prodotti dalla azienda agricole stabilisce espressamente che sono da considerarsi sempre rifiuti speciali da smaltire come tali attraverso società private e quindi escluse dalla privativa comunale. Esclusione che alcuni comuni hanno iniziato ad inserire all’interno dei regolamenti comunali al fine di evitare inutili contenziosi cosa che chiediamo con forza per il nostro comune.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Giornale digitale fondato nel 2022 con l'intento di offrire al territorio "Una voce oltre la notizia". Nasce dall'esigenza di un gruppo di giornalisti ed esperti di comunicazione di creare un canale di informazione attendibile, laico e indipendente che dia voce ai cittadini, alle imprese, ai lavoratori, agli studenti!

CORRELATI
ALTRI ARTICOLI

“Iter nuovo ospedale di Latina fermo da un anno”: l’attacco del PD

"Da oltre un anno non risulta compiuta alcuna attività dall’attuale maggioranza per la realizzazione del nuovo ospedale di Latina"

Banca d’Italia e Ruspi alla Sapienza, la maggioranza: “Occasione persa per il centrosinistra”

"È una rivoluzione per la nostra città e un passo in avanti verso l’idea di Latina città universitaria" il commento

Rocca Massima: Sonia Priori entra in Fratelli d’Italia

Il sindaco del comune pontino Lucarelli le assegna le deleghe per scuola, sanità e politiche del personale

“Condizioni colonie estive peggiorano”, Lbc chiede che il caso venga discusso in Commissione

Il caso riguarda il servizio delle colonie estive dedicato a minori con disabilità, anche quest’anno garantito per sole tre settimane

“Attacco strumentale contro Di Cocco”, la maggioranza fa quadrato

"Ancora una volta gli esponenti dell’opposizione sembrano aver dimenticato la loro gestione amministrativa"

Legge sull’autonomia differenziata, Lbc aderisce al comitato promotore per il referendum

"Servono 500mila firme in tutta Italia entro il 30 settembre, ma l’obiettivo del comitato è più ambizioso"
- Pubblicità -

Condividi sui social

- Pubblicità -

Più letti

- Pubblicità -
- Pubblicità -