Covid – Lettera del sindacato medici all’assessore D’Amato: “Pronti allo sciopero”

"Abbiamo scritto all’Assessore Salute della Regione Lazio, Alessio D'Amato e ai vertici della sanità laziale per chiedere la convocazione urgente del tavolo di concertazione"

“Abbiamo scritto all’Assessore Salute della Regione Lazio, Alessio D’Amato e ai vertici della sanità laziale per chiedere la convocazione urgente del tavolo di concertazione e per riaprire la trattativa tra la parte pubblica e le organizzazioni sindacali dei medici”. Così Cristina Patrizi, Segretario Regionale Lazio del Sindacato Medici Italiani, rende pubblica la lettera inviata alla Regione Lazio.

“Vorremmo conoscere quali saranno le forme organizzative mono professionali nelle Aggregazioni Funzionali Territoriali (AFT) e le modalità di  partecipazione dei medici alle forme organizzative multiprofessionali, questioni che con appositi atti di programmazione ed  indirizzo devono essere definite  entro 6 mesi dalla entrata in vigore dell’accordo del 28 aprile scorso. Per queste ragioni riteniamo  che sia giunto il momento per avviare un percorso di condivisione. È urgente riaprire il confronto, interrotto ormai da oltre un anno, anche perché siamo davanti a gravi situazioni d’incertezze e d’inadempienze che tuttora aspettano ancora risposte. A partire dall’applicazione che  DGR n. 852/2020 della Regione Lazio che contiene gli accordi integrativi regionali della medicina generale e della pediatria che definiscono l’inserimento dei medici di medicina generale (MMG) e pediatri di libera celta (PLS) nella rete regionale di sorveglianza epidemiologica per SARS-Co V-2″.

“Attendiamo, inoltre, ancora risposte  sulle modalità  organizzative della  campagna vaccinale anticovid, sull’adeguamento delle Unità di Cure Primarie, sui ritardi dei pagamenti vaccinazioni antinfluenzali, sulla necessità di pianificare la campagna vaccinale 2022-23,  sulle gravi situazioni di coperture territoriali di medici per le zone carenti, sull’impossibilità a reperire sostituti per l’assistenza primaria e per la  continuità assistenziale, sulla necessità di norme di sicurezza più stringenti per le postazioni di continuità assistenziale  a causa delle  continue aggressioni, come gli episodi recenti di Latina e Ariccia dimostrano”.

“Abbiamo bisogno di capire le determinazioni della Regione Lazio a garanzia del lavoro di tutti medici. Per queste ragioni, siamo pronti allo stato di agitazione ed a un nuovo sciopero anche per quanto riguarda il lavoro telematico, a partire dalla sospensione delle funzioni certificative per conto dei SISP e tutte quante le incombenze burocratiche connesse allo stato covid. Non possiamo restare inerti davanti ad incombenze e carichi di lavoro che la Regione Lazio in modo unilaterale ha imposto alla categoria medica creando un forte disagio e sofferenza ai medici laziali” conclude.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Giornale digitale fondato nel 2022 con l'intento di offrire al territorio "Una voce oltre la notizia". Nasce dall'esigenza di un gruppo di giornalisti ed esperti di comunicazione di creare un canale di informazione attendibile, laico e indipendente che dia voce ai cittadini, alle imprese, ai lavoratori, agli studenti!

CORRELATI
ALTRI ARTICOLI

Arresto delegato ai lavori pubblici di Ponza: Calandrini (FdI) prende le distanze

"Il Consigliere D’Amico non è attualmente un tesserato di Fratelli d’Italia e quindi non rappresenta il partito in Consiglio Comunale"

Manifestazione contro il caporalato, presente anche il M5S

"C’è la necessità che anche l’amministrazione comunale di Latina sia parte attiva in questa battaglia", il commento

Italian Woman Festival, manifestazione realizzata con un contributo illegittimo: l’attacco dell’opposizione

"L’amministrazione Celentano ha affidato l’organizzazione a una Srl. Il Regolamento non lo prevede", il commento

Castelforte – Le minoranze puntano il dito contro rifiuti e Bilancio

"Siamo veramente preoccupati, una amministrazione che continua a gettare fumo negli occhi", il commento del PD

La Guardia Costiera di Terracina chiude il porto canale di Rio Martino: le critiche di Ciolfi (M5S)

"Impegno disatteso dall’Amministrazione, annaspano gli assessori Di Cocco e Addonizio. Sul lastrico 24 famiglie che vivono di sola pesca"

Morte Satnam Singh, anche il Pd in piazza alla manifestazione della Cgil

Il commento del segretario Sarubbo: "Fare luce sull'episodio e finanziare le leggi per il contrasto al fenomeno"
- Pubblicità -

Condividi sui social

- Pubblicità -

Più letti

- Pubblicità -
- Pubblicità -