Consulta Donne Anci Lazio: Simona Mulè nominata vicecoordinatrice

La Mulè è anche il Consigliere di parità designata della Provincia di Latina e vanta pluriennale esperienza

Simona Mulè, consigliere comunale di Latina di Fratelli di Italia, lo scorso 18 febbraio è stata nominata vice coordinatrice della Consulta delle Donne Anci Lazio, l’Associazione Nazionale dei Comuni.

La Mulè che è anche il Consigliere di parità designata della Provincia di Latina e vanta pluriennale esperienza anche grazie ad incarichi e progettualità nazionali legati all’empowerment femminile, affiancherà la Coordinatrice Sara Principessa nei prossimi mesi, con il compito di riattivare la Consulta regionale e contribuire alla ridefinizione delle politiche di genere a livello territoriale.

“L’approccio trasversale del Comune di Latina sarà l’esperienza che porterò come modello in Consulta, consapevole della necessità di affrontare il tema delle politiche di genere in modo organico, slegandole dalla mera ottica legata all’inclusione ma inquadrandola in un’ottica socio-economica di cui gli enti locali possono essere gli interlocutori primari nel pieno rispetto del principio di sussidiarietà” ha spiegato la Mulè.

“Diversi studi dimostrano come le donne siano fattori di efficacia ed efficienza di ogni sistema e che la visione femminile rappresenti un valore anche rispetto al rafforzamento delle capacità amministrative degli enti” prosegue il consigliere comunale. 

Più donne in politica e una rete che rafforzi l’azione delle amministratrici a livello locale: questi gli argomenti su cui si è incentrata la prima riunione della Consulta. Un risultato da ottenere attraverso gli ‘Stati generali delle donne’ (eventi itineranti per le province laziali) e la realizzazione di un primo studio regionale per l’analisi dei dati sui fenomeni legati al ruolo della donna nei contesti sociali, economici e politici.

“Ringrazio il segretario provinciale del partito, Sen. Nicola Calandrini e il coordinatore regionale On. Paolo Trancassini per aver sostenuto la mia designazione – conclude Simona Mulè – una scelta che mira anche a riposizionare il nostro territorio comunale e provinciale nel panorama regionale”.

“Auguri di buon lavoro a Simona Mulè – ha commentato il coordinatore provinciale di Fratelli d’Italia, Senatore Nicola Calandrini – sono convinto sia la persona giusta nel ruolo più adatto. In Consiglio Comunale, come nell’attività politica sul territorio, Simona ha sempre dimostrato un’attenzione pragmatica e proattiva alla tematica della parità di genere, esperienza che sono certo saprà traslare nel nuovo ruolo”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Giornale digitale fondato nel 2022 con l'intento di offrire al territorio "Una voce oltre la notizia". Nasce dall'esigenza di un gruppo di giornalisti ed esperti di comunicazione di creare un canale di informazione attendibile, laico e indipendente che dia voce ai cittadini, alle imprese, ai lavoratori, agli studenti!

CORRELATI
ALTRI ARTICOLI

Fondi – Lunedì 29 aprile prima seduta del Consiglio comunale

Appuntamento a partire dalle ore 19:00 presso l'aula consiliare ''Luigi Einaudi'' e in streaming sui canali social dell'Ente

Stop a violenze e discriminazioni, il rispetto “virale” tra i giovani per vincere la sfida sociale

Plauso unanime per l'iniziativa presentata ieri dalla Regione Lazio. Un progetto rivolto ai giovani che coinvolge famiglie e scuole

Cisterna – Convocato per lunedì il Consiglio Comunale

Saranno sette i punti all'ordine del giorno che verranno discussi nel corso della seduta del 29 aprile. Seconda convocazione per martedì 30

Regolamento Imballaggi, De Meo: “PPE e Forza Italia determinati per correggere proposta”

"Questa è una grande vittoria per il sistema Italia, le cui eccellenze del Made in Italy erano state inizialmente penalizzate"

Campagna (PD): “Amministrazione Celentano sceglie di non parlare di 25 aprile: fatto inquientante”

"Su nessuno dei canali ufficiali del Comune, sito web o social, si trovano riferimenti alle iniziative locali relative al 25 aprile"

Regolamento Avvocatura comunale, l’opposizione: “Limate e minate le funzioni dell’organo”

Introdotta la lista dei reati per i quali l’Ente può costituirsi parte civile "Evidente tentativo di svilirne il ruolo a tutela di interessi"
- Pubblicità -

Condividi sui social

- Pubblicità -

Più letti

- Pubblicità -
- Pubblicità -