Cancro al collo dell’utero, gennaio è il mese della prevenzione: gli screening nel Lazio

Contrastare questa patologia è possibile: sia tramite gli screening, sia attraverso il vaccino. La prevenzione è fondamentale

Secondo il Ministero della Salute, in Italia il tumore al collo dell’utero – carcinoma della cervice uterina – rappresenta il 5° tumore per frequenza nelle donne sotto i 50 anni di età. La causa è un’infezione da papillomavirus umano (HPV) trasmessa per via sessuale e molto frequente nelle persone più giovani. Questo virus è in grado di trasformare le cellule della cervice in cellule anomale che, in un esiguo numero di casi, possono diventare cellule cancerogene. Il processo di trasformazione è comunque molto lento.

Contrastare questa patologia è possibile: sia tramite i test per lo screening – come Pap-test e il test per Papilloma virus (HPV-DNA test) – sia attraverso il vaccino contro il Papillomavirus. La prevenzione è fondamentale, a tutte le età. E gennaio è il mese internazionale della prevenzione contro questo tipo di carcinoma.

Il SSN offre gratuitamente un programma di screening dedicato, organizzato dalle ASL, che non si limita alla singola offerta di un test di screening, ma prevede anche richiami periodici che seguono la persona nel tempo. L’obiettivo è individuare una eventuale presenza di neoplasie in una fase precoce quando non danno nessun disturbo. In questo modo aumentano le possibilità di cure efficaci, meno aggressive per la donna e con una maggiore possibilità di guarigione. Come test di screening si utilizzano sia il Pap-test sia il test HPV, che sono in grado di individuare il tumore anche nella fase asintomatica. Il Programma di Screening è offerto gratuitamente, tutte le prestazioni previste di diagnosi e terapia sono a carico del SSN, non richiedono il pagamento di alcun ticket e non è necessaria l’impegnativa del medico curante.

Il programma di screening del tumore del collo dell’utero nel Lazio

Nel Lazio, le donne vengono invitate con una lettera personalizzata a un appuntamento prefissato presso le sedi indicate sulla lettera di invito: le donne dai 25 ai 29 anni, ogni tre anni; le donne dai 30 ai 64 anni, ogni cinque anni.

Chi, pur rientrando nelle fasce d’età indicate, non ha mai ricevuto una lettera d’invito dalla propria ASL o non ha mai aderito al programma può:

  • utilizzare il sistema di prenotazione online Screening Prenota Smart
  • telefonare al Numero Verde della ASL di appartenenza per concordare un appuntamento (è possibile anche chiedere informazioni o spostare un appuntamento).

Nel programma di screening del tumore del collo dell’utero vengono utilizzati i due esami più specifici, sensibili ed efficaci per la diagnosi precoce del tumore al collo dell’utero, a seconda dell’età della donna: il PAP test per le donne dai 25 ai 29 anni; l’HPV test per le donne dai 30 ai 64 anni. Sia il PAP Test che l’Hpv test, consistono nel prelievo di alcune cellule superficiali del collo dell’utero, effettuato con una spatolina.

In caso di esito nella norma il centro di screening invia la comunicazione del risultato negativo del test direttamente a casa con una lettera e provvede a spedire un nuovo invito per ripetere l’esame dopo 3 o 5 anni, a seconda della fascia di età.

Nel caso in cui un test sia positivo e siano necessari degli approfondimenti diagnostici, la donna viene contattata telefonicamente da un operatore sanitario del centro screening per invitarla a sottoporsi, sempre gratuitamente, a fare una colposcopia di approfondimento. Gli eventuali approfondimenti e trattamenti successivi, se necessari, sono prenotati ed erogati direttamente e gratuitamente sempre dalla ASL di appartenenza.

Sulla base delle raccomandazioni dettate dalle Linee Guida Europee si è ritenuto efficace scegliere queste fasce di età per uno screening di popolazione. Al di sotto dell’età raccomandata si rischia di incorrere in trattamenti non necessari. Se esiste un sospetto clinico in una persona con età al di fuori della fascia a cui lo screening è rivolto, può rivolgersi al proprio medico di medicina generale.

- Pubblicità -
Roberta Di Pucchio
Roberta Di Pucchio
Giornalista pubblicista

CORRELATI
ALTRI ARTICOLI

Trapianti, il San Camillo si conferma eccellenza: il Centro regionale ottiene la certificazione ASHI

Il prestigioso riconoscimento è stato riconfermato quest'anno al Laboratorio di Tipizzazione tissutale ed immunologia dei trapianti

Regione, Regimenti: “Protocollo con ordine psicologi per cultura prevenzione salute mentale”

"La salute mentale è oggi una emergenza molto sentita dai cittadini, come testimonia il successo del bonus psicologo"

Con la Prevenzione puoi giocare d’anticipo, l’incontro a Cisterna

Appuntamento fissato per giovedì 16 maggio alle ore 17 con l'incontro organizzato dall’ANDOS comitato di Latina ODV

Tumori, Ecosfera Servizi a Race for the Cure: “Crediamo e sosteniamo la prevenzione”

L’evento celebrato a Roma ha accolto migliaia di persone da tutto il Paese per sostenere i temi della prevenzione e della ricerca

FOCUS – AstraZeneca ritira il vaccino contro il Covid-19 in tutto il mondo

Nei giorni scorsi l’Ema, Agenzia europea per i medicinali, ha diramato un divieto di utilizzo del vaccino dell'azienda

Ictus cerebrale, potenziata la Stroke Unit del San Camillo: servizi attivi anche weekend

L'Azienda Ospedaliera è ormai struttura di riferimento per il centro-sud della regione e per la terapia intensiva e semi intensiva
- Pubblicità -

Condividi sui social

- Pubblicità -

Più letti

- Pubblicità -
- Pubblicità -