Sparatoria a Suio Terme, emergono nuovi dettagli sul pomeriggio di sangue

Intanto le notizie dal policlinico "Gemelli" spingono all'ottimismo: riuscita l'operazione effettuata su Miriam Mignano

Emergono nuovi e drammatici dettagli sul pomeriggio di sangue che si è consumato ieri a Suio Terme, la frazione alle porte di Castelforte. Una vicenda terribile costata la vita a Giovanni Fidaleo, titolare della struttura recettiva, conosciutissimo in città, oltre a far rischiare la vita a Miriam Mignano, colpita da alcuni colpi di pistola sparati da Giuseppe Molinaro, l’appuntato dei Carabinieri che poi è andato a costituirsi.

Le indagini affidate alla Procura di Cassino in stretta collaborazione con la Compagnia Carabinieri di Formia hanno permesso di ricostruire l’episodio, probabilmente scaturito da un movente passionale, con la 31enne da poco assunta all’Interpol come guardia giurata, che sarebbe finita al centro della vicenda e con il 58enne carabiniere che sarebbe stato accecato dall’odio tanto da decidere di compiere un delitto terribile.

Stando alle ricostruzioni, Molinaro sarebbe arrivato nei pressi dell’albergo proprio con l’intenzione di uccidere ed avrebbe freddato inizialmente Giovanni Fidaleo, ucciso dietro al bancone dove aveva cercato rifugio, per poi rivolgere la sua pistola verso Miriam Mignano, colpendola all’addome e al torace. Probabilmente convinto di aver ucciso entrambi, l’uomo si è precipitato verso la sua macchina scappando in direzione Caserta. Lì, come si è potuto in seguito appurare, avrebbe avuto un lungo confronto con un suo amico che, dopo aver sentito quanto accaduto, lo avrebbe convinto a costituirsi.

Intanto a Suio non c’era nulla da fare per salvare la vita a Giovanni Fidaleo, mentre per Miriam Mignano il volo disperato in eliabulanza verso il policlinico “Gemelli” a Roma potrebbe essere stato determinante. La donna, stando alle ultime notizie che arrivano da nosocomio romano, è stata operata ed è tenuta costantemente monitorata dai sanitari. L’intervento sarebbe riuscito, ma ovviamente le sue condizioni restano critiche, anche se la speranza che sopravviva si fa sempre più concreta con il passare delle ore.

Sull’episodio è intervenuto anche Angelo Felice Pompeo, sindaco di Castelforte, che in una nota ha scritto: “Cari concittadini per quanto accaduto siamo tutti sgomenti. È una tragedia che non so definire e lo è per tutta la nostra laboriosa comunità. Questo è il momento del silenzio”.

- Pubblicità -
Simone Di Giulio
Simone Di Giulio
Direttore Responsabile Simone Di Giulio inizia a scrivere nel 2003 e nel 2006 entra nell’albo dei Pubblicisti dell’Ordine dei Giornalisti. Vanta diverse esperienze come redattore e corrispondente in alcuni quotidiani della provincia di Latina, come “Il Territorio” e “Il Tempo”. È stato direttore della rivista “Utopia Magazine”, del quotidiano online “Mondoreale” e caporedattore de “I Lepini”. Ha collaborato con alcune riviste e con enti pubblici ed ha partecipato come docente a corsi sulla comunicazione.

CORRELATI
ALTRI ARTICOLI

Minaccia l’ex e i familiari perché non accetta la fine della relazione: arrestato un 23enne

Cisterna - L'uomo rintracciato presso la sua abitazione, tentava invano di sottrarsi ai Carabinieri nascondendosi all’interno di un armadio

Priverno – Incidente della notte a causa dell’asfalto bagnato: ferita una 21enne di Roccagorga

La donna mentre stava guidando, a causa delle avverse condizioni atmosferiche, ha perso il controllo dell’autovettura

Anni di violenze verso la ex e la minaccia di togliersi la vita con i figli: arrestato

Latina - L'uomo è stato arrestato dopo aver minacciato di schiantarsi con l'auto con a bordo i figli avuti con l'ex

Morti sul lavoro, nel primo mese del 2024 già 45 vittime: crescono le denunce di infortunio

Il report dell’Osservatorio Sicurezza sul Lavoro e Ambiente Vega Engineering. Il settore delle costruzioni quello più colpito

Trovato in casa della madre nonostante il divieto, in manette un 54enne

Priverno - Secondo le ricostruzioni dei Carabinieri l'uomo avrebbe violato il provvedimento 4 volte nel mese di febbraio

Spaccio e rapporti con la criminalità organizzata, scattano due misure di sorveglianza speciale

Indagine portata avanti dai poliziotti del Commissariato di Gaeta, in collaborazione con la sezione della Divisione Polizia Anticrimine
- Pubblicità -

Condividi sui social

- Pubblicità -

Più letti

- Pubblicità -
- Pubblicità -