Si ferisce mentre rapina un negozio di telefonia, denunciato un minorenne

Nella giornata di lunedì 12 febbraio, alle ore 19:00 un ignoto malvivente, travisato da passamontagna e con guanti in lattice, ha rapinato sotto la minaccia di un’arma la titolare di un negozio di Itri. La donna presente dietro il bancone ha assistito inerme alle minacce del rapinatore, che, dopo averle puntato la pistola in direzione del viso, si è scagliato su una vetrina espositiva rompendola con il calcio della pistola. Infranta la barriera, ha asportato alcuni telefoni cellulari, ma i vetri taglienti non hanno lasciato scampo al giovane che ha iniziato a perdere copioso sangue a seguito di una profonda ferita.

A nulla è servito il tentativo da parte del reo di disfarsi dei vestiti usati per compiere la rapina, immeditatamente rinvenuti e posti sotto sequestro dagli investigatori, che in meno di dieci minuti hanno raggiunto il centro cittadino di Itri e si sono lanciati alla ricerca del malvivente.

Sono seguiti i rilievi da parte di personale specializzato del N.O.RM. -Sezione Operativa di Formia che ha materialmente esperito la campionatura delle tracce biologiche di sangue rinvenute lungo il tragitto, tra cui un fazzoletto inzuppato di sangue lasciato cadere dal rapinatore inavvertitamente lungo la via di fuga.

Le tracce di sangue disseminate lungo il percorso e la visione di alcuni video del circuito di sorveglianza cittadino sono stati di fondamentale aiuto per ricostruire le fasi immediatamente successive alla rapina e poter dunque indirizzare le indagini.

In mezz’ora la città di Itri è stata paralizzata dalla capillare presenza di pattuglie di Carabinieri, che senza sosta hanno controllato ogni angolo della città in cerca di un indizio che potesse portare all’identificazione del reo che si era allontanato in bicicletta.

Questa presenza insolita e invasiva dei Carabinieri ha fatto sì che, poco dopo la mezzanotte arrivasse una chiamata alla centrale operativa della Compagnia di Formia, dove la voce di un avvocato asseriva che un suo cliente voleva costituirsi per una rapina commessa la sera stessa.

Poco dopo bussava alla porta della Stazione di Itri un giovane diciassettenne accompagnato dal proprio difensore, il quale con un dito bendato, che risulterà poi essersi tagliato nell’atto di sottrarre i cellulari dall’interno della vetrina espositrice, ha consegnato tutta la refurtiva comprensiva di nr. 2 telefoni cellulari, nr.1 smartwatch e l’arma, poi risultata essere una pistola giocattolo priva di caricatore e tappo rosso, che la rendeva a tutti gli effetti identica a quella in uso alle forze di polizia.

Sulla scora delle risultanze acquisite il giovane è stato deferito alla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i minorenni di Roma.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Giornale digitale fondato nel 2022 con l'intento di offrire al territorio "Una voce oltre la notizia". Nasce dall'esigenza di un gruppo di giornalisti ed esperti di comunicazione di creare un canale di informazione attendibile, laico e indipendente che dia voce ai cittadini, alle imprese, ai lavoratori, agli studenti!

CORRELATI
ALTRI ARTICOLI

Ruba prodotti per 100 euro, denunciato un 40enne marocchino

Aprilia - Le indagini dei Carabinieri hanno permesso di risalire all'uomo residente ad Anzio e denunciarlo

Ubriaca al volante provoca un incidente, denunciata una donna di 34 anni

L'auto della donna invadeva l'altra corsia per poi scontrarsi frontalmente contro un altro veicolo sull'Appia

Furgoni distrutti da un incendio, indagini in corso

Aprilia - Sono in corso verifiche atti a scoprire l’origine dell’incendio. I mezzi, sono stati posti sotto sequestro

Controlli nelle case di riposo, scoperte 10 strutture irregolari

Operazione dei Nas in provincia di Latina per una sanzione totale di 13mila euro. Chiusa una struttura ad Aprilia

Sul Lazio insiste il maltempo, diramata una nuova allerta gialla

L’Agenzia Regionale di Protezione civile del Lazio ha emesso un’allerta gialla con validità dal pomeriggio di oggi

Scontro all’incrocio sulla Migliara 45, la vittima è Cesare “Giulio” Abbate

L'uomo era al volante della sua auto mentre accompagnava il nipote a scuola. Tristezza e incredulità nella comunità di Sezze
- Pubblicità -

Condividi sui social

- Pubblicità -

Più letti

- Pubblicità -
- Pubblicità -