Rinite allergica: sintomi, cause e possibili complicanze di un disturbo molto diffuso

Se ne può soffrire in alcuni mesi, nel caso di allergeni stagionali, oppure tutto l'anno nel caso di allergeni non legati alla stagione

La rinite allergica è un’infiammazione della parte interna del naso causata da una sostanza, detta allergene, come polline, polvere, muffa o peli di animali. La rinite allergica è una condizione molto comune che provoca disturbi (sintomi) simili al raffreddore come starnuti, prurito, naso chiuso e produzione di muco. I disturbi, di solito, iniziano subito dopo l’esposizione a un allergene. Si può soffrire di rinite allergica in alcuni mesi dell’anno, nel caso di allergeni stagionali (ad esempio, i pollini), oppure tutto l’anno nel caso di allergeni non legati alla stagione (ad esempio, gli acari della polvere).

L’accertamento (diagnosi) della rinite allergica, di solito, si basa sui disturbi presenti (sintomi) e sulla causa che li ha scatenati. Se la causa è incerta, il medico prescriverà dei test allergologici. La rinite allergica è provocata dalla risposta eccessiva del sistema di difesa dell’organismo (sistema immunitario) verso un allergene presente nell’ambiente. Nei soggetti allergici, ciò si traduce nel rilascio di istamina, una sostanza che ha un effetto irritante sulla mucosa nasale e sulle vie aeree causando gonfiore e produzione eccessiva di muco.

È nota una familiarità della rinite allergica, per cui se un genitore soffre di questa condizione è più probabile che ne soffrano anche i figli. Evitare completamente i potenziali allergeni può essere difficile ma si possono seguire delle precauzioni per non esporsi all’allergene che si sospetta stia causando la rinite allergica.

La riduzione dei disturbi si ottiene con la somministrazione di farmaci (antistaminici) e facendo lavaggi nasali regolari con una soluzione salina isotonica allo scopo di rimuovere le sostanze irritanti. Il medico può prescrivere anche farmaci contenenti cortisone (corticosteroidi).

In alcuni casi, la rinite allergica può portare a complicazioni:

  • polipi nasali, morbide escrescenze tumorali benigne che crescono sulla mucosa del naso e all’interno dei seni paranasali
  • sinusite, infiammazione a volte accompagnata da infezione dei seni paranasali
  • otite media, infiammazione della parte dell’orecchio situata dietro il timpano

Queste complicazioni possono essere curate con i farmaci anche se, nei casi più gravi, può essere necessario un intervento chirurgico.

Rinite non allergica

Non tutti i casi di rinite sono causati da una reazione allergica. Alcuni sono il risultato di:

  • infezione, come il comune raffreddore
  • ipersensibilità dei vasi sanguigni nasali
  • uso eccessivo di decongestionanti nasali
- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Giornale digitale fondato nel 2022 con l'intento di offrire al territorio "Una voce oltre la notizia". Nasce dall'esigenza di un gruppo di giornalisti ed esperti di comunicazione di creare un canale di informazione attendibile, laico e indipendente che dia voce ai cittadini, alle imprese, ai lavoratori, agli studenti!

CORRELATI
ALTRI ARTICOLI

Acqua potabile, conforme in quasi il 100% delle case: ma un italiano su tre non si fida

Lo afferma il primo rapporto elaborato dal Centro Nazionale per la Sicurezza delle Acque dell’Istituto Superiore di Sanità

Cambiamenti climatici, gli effetti degli eventi estremi sulla salute non possono essere ignorati

L’Istituto Superiore di Sanità (ISS) è in prima linea nelle azioni di ricerca e mitigazione dei rischi associati ai cambiamenti climatici

Caldo e medicine, come conservarle in viaggio e in vacanza: i consigli dell’Aifa

Attrezzarsi con borse refrigerate per il trasporto, preferire le compresse, evitare di mettersi al sole dopo l'assunzione

Ictus ischemico, all’Umberto I prestigioso riconoscimento per l’elevato livello di assistenza

“Il ‘Diamond Status’ dimostra che un cittadino che arriva al Policlinico con ictus cerebrale può aspettarsi le migliori cure disponibili"

Covid, ondata estiva di casi: colpa della variante KP3. Il Dottor Pontone Gravaldi mette in guardia

No ad inutili allarmismi ma serve un monitoraggio costante. Sì ai tamponi in presenza di sintomi, la Regione però non li rimborsa ai medici

“Il paziente con malattia neuroncologica”, esperti a confronto su diagnosi e cura

Il convegno del San Camillo Forlanini per migliorare la qualità delle cure e delle ricerche nell'ambito delle malattie neuroncologiche
- Pubblicità -

Condividi sui social

- Pubblicità -

Più letti

- Pubblicità -
- Pubblicità -