Nigeria, l’ex comandante del Mend vince un appalto milionario: è protesta

Stando a quanto riportano i media di Abuja l’appalto al centro delle proteste ha un valore di 4 miliardi di naira mensili, 9 milioni di euro

In Nigeria polemiche e proteste per il rinnovo di un contratto governativo per la sicurezza degli impianti petroliferi nel sud del Paese da diversi milioni di euro a favore di un ex comandante del Movement for the Emancipation of the Niger Delta (Mend), un gruppo armato protagonista negli anni di diversi rapimenti e attacchi a strutture di multinazionali dell’energia.

Stando a quanto riportano i media di Abuja l’appalto al centro delle proteste ha un valore di quattro miliardi di naira mensili, circa nove milioni di euro. A beneficiare del rinnovo del contratto è stato Oweizide Ekpemupolo, noto con il nome di battaglia Tompolo, ex comandante del Mend che nel 2009 si è arreso al governo ottenendo in cambio l’inserimento in un programma di amnistia per i dirigenti della milizia.

Ieri una coalizione di organizzazioni della società civile di base nel nord del Paese, la Amalgamated Arewa Youth Groups (Aayg), ha organizzato una protesta ad Abuja davanti alla sede della compagnia petrolifera di Stato, la Nigerian National Petroleum Company (Nnpc), chiedendo lo scioglimento del contratto a favore di Tompolo entro sette giorni e anche le dimissioni del ministro del Petrolio, Timipre Sylva.

Secondo quanto riportato dal quotidiano nigeriano The Guardian, che cita il portavoce dell’Aayg Victor Duniya, a causare particolare disappunto è stato anche il fatto che, grazie al contratto per la sicurezza degli impianti, un ex comandante del Mend potrà disporre di “armi sofisticate” mentre ai civili che vivono in alcune zone nel nord del Paese non è permesso armarsi per difendersi dai gruppi armati che operano nella Nigeria settentrionale.

La nomina di Tompolo è stata invece difesa dal Consiglio dei giovani della comunità Ijaw, che vive nella regione del Delta del Niger. In una dichiarazione rilanciata dal portale di notizie Vanguard l’organizzazione ha affermato che l’ex comandante del Mend è la persone giusta per mettere un freno ai furti di petrolio e agli atti di vandalismo che si registrano negli impianti del sud del Paese.

Fonte www.dire.it (Agenzia di Stampa Nazionale)

- Pubblicità -
Simone Di Giulio
Simone Di Giulio
Direttore Responsabile Simone Di Giulio inizia a scrivere nel 2003 e nel 2006 entra nell’albo dei Pubblicisti dell’Ordine dei Giornalisti. Vanta diverse esperienze come redattore e corrispondente in alcuni quotidiani della provincia di Latina, come “Il Territorio” e “Il Tempo”. È stato direttore della rivista “Utopia Magazine”, del quotidiano online “Mondoreale” e caporedattore de “I Lepini”. Ha collaborato con alcune riviste e con enti pubblici ed ha partecipato come docente a corsi sulla comunicazione.

CORRELATI
ALTRI ARTICOLI

India, incendio nel reparto maternità di un ospedale: morti sei neonati

La tragedia a Nuova Delhi. Oltre le sei vittime, sono rimasti feriti nel terribile rogo altri sei bambini, di cui uno gravemente

Russia, notte di fuoco e terrore in un ostello: almeno 8 persone morte in un incendio

Il rogo è divampato in un ostello di Istra, vicino Mosca. Il drammatico e provvisorio bilancio parla anche di un ferito

Maiorca, crolla la terrazza di un famoso ristorante: 4 morti e 16 feriti

La tragedia al Medusa Beach Club. Tra i feriti, quattro sarebbero in gravi condizioni. Ancora da accertare i motivi dell'accaduto

Messico, palco crolla durante un comizio elettorale: 5 morti e almeno 50 feriti

Il crollo, avvenuto durante un evento a cui partecipava un candidato alle presidenziali, è stato causato da una forte raffica di vento

Cina, 45enne armata di coltello fa irruzione in una scuola elementare: 2 morti e 10 feriti

La donna ha fatto irruzione all’interno di una scuola elementare di Guixi, nella provincia meridionale cinese di Jiangxi

Brasile, gli tolgono il cellulare: 16enne stermina la famiglia a colpi di pistola: morti i genitori e la sorella

San Paolo - A chiamare la polizia è stato lo stesso 16enne, che ha raccontato di aver usato la pistola del padre, una guardia municipale
- Pubblicità -

Condividi sui social

- Pubblicità -

Più letti

- Pubblicità -
- Pubblicità -