Strage di pesci nel canale: uccisi dal gran caldo di questi giorni

Il livello dell'acqua si sarebbe abbassato a tal punto da non permettere più alle bestiole una giusta ossigenazione

Una strage di pesci, principalmente cavedani d’acqua dolce stando al parere di alcuni esperti, che hanno praticamente ricoperto, coi loro piccoli cadaveri, il letto del canale delle Acque Medie. Una scena apocalittica quella che si è presentata ad alcuni passanti questa mattina a Latina Scalo.

Un evento probabilmente non legato a qualche tipo di sversamento illegale e nocivo, ma al grande caldo di questi giorni. Il livello dell’acqua si sarebbe abbassato a tal punto da non permettere più alle bestiole una giusta ossigenazione. Di qui la scena decisamente macabra e triste alla quale in molti hanno assistito questa mattina.

A quanto pare, per altro, non sarebbe la prima strage di pesci nelle stesso tratto del canale. Un episodio praticamente identico si sarebbe verificato un paio di anni fa.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Giornale digitale fondato nel 2022 con l'intento di offrire al territorio "Una voce oltre la notizia". Nasce dall'esigenza di un gruppo di giornalisti ed esperti di comunicazione di creare un canale di informazione attendibile, laico e indipendente che dia voce ai cittadini, alle imprese, ai lavoratori, agli studenti!

CORRELATI
ALTRI ARTICOLI

Rapina un negozio e picchia il titolare, arrestato un 35enne

Sabaudia - Nel corso della rapina l'uomo rubava anche 60 euro al titolare del negozio. Arrestato in flagranza

Due rapine in due giorni in periferia, indagini in corso

Latina - Colpiti un'attività ricettiva in zona Ferriere e un negozio di prodotti per la casa a Borgo Montello

Controlli ad “Alto Impatto”: sanzionata un’attività e denunciato un giovane armato

Latina - Inoltre, sottoposti a controllo della circolazione stradale 25 persone e 13 veicoli con 3 contravvenzioni al codice della strada

Regione – Due detenuti anziani e malati morti nel giro di poche ore: aperta un’inchiesta

Il Garante Anastasia denuncia: "L'incompatibilità della detenzione con le malattie gravi". Ora sarà la Procura a fare luce sui decessi

Incendio distrugge un’azienda di calcestruzzi e bitume: indagini in corso

Aprilia - Al termine delle operazioni di spegnimento i Vigili del fuoco iniziavano la bonifica. Sconosciute le cause del rogo

Sorpresi a coltivare una piantagione di canapa e con 200 grammi di marijuana: in manette due 35enni

I Carabinieri di Borgo Sabotino hanno tratto in arresto due 35enni in flagranza del reato di coltivazione di sostanza stupefacente
- Pubblicità -

Condividi sui social

- Pubblicità -

Più letti

- Pubblicità -
- Pubblicità -