Furto dell’identità digitale, si moltiplicano le vittime: come agiscono i cybercriminali

I cybercriminali si servono sempre di più dei social network per veicolare messaggi trappola con l’intento di carpire i dati sensibili

Il furto dell’identità digitale è uno dei reati più diffusi. Una minaccia concreta, ma che probabilmente non riceve ancora l’attenzione che merita da parte dei consumatori. Navigare online, infatti, comporta dei pericoli che inevitabilmente diventano maggiori quando l’utente è meno esperto e, di conseguenza, più esposto.

Essere vittima di furti e di violazioni sui social è più facile di quanto si possa immaginare. Lo certifica, ad esempio, il Rapporto “Censis-DeepCyber” sulla sicurezza informatica in Italia. Pubblicato nell’aprile 2022, lo studio dice che l’81,7% della popolazione italiana teme di risultare facile preda di furti e violazioni dei propri dati personali sul web, mentre quasi l’11% ha scoperto, sui social, account fake con i propri nome, cognome ed immagine.

I cybercriminali si servono sempre di più dei social network per veicolare messaggi trappola con l’intento di carpire i dati sensibili delle potenziali vittime, rubarne il profilo e utilizzarne poi i contatti per raggiungere il maggior numero di utenti possibili. Le truffe diffuse attraverso le principali piattaforme social sono molteplici e diversificate: se le più frequenti offrono facili guadagni a fronte di un piccolo investimento iniziale, sono altrettanto numerose quelle che sponsorizzano offerte di lavoro prospettando una carriera da influencer e proponendo allettanti collaborazioni con marchi famosi, inducendo sempre infine l’utente a cedere i propri dati personali, se non addirittura quelli bancari. In molti casi, l’attenzione della vittima viene catturata con la tecnica del “tag”, tramite la quale viene menzionata e invogliata a visitare il profilo del truffatore, spesso talmente verosimile da indurlo ad avere un primo contatto attivo che lo fa cadere nella trappola.

L’associazione Codici invita, dunque, i consumatori alla massima attenzione quando navigano sul web o utilizzano i social, perché il pericolo delle truffe è reale. In caso di raggiri, è possibile contattare lo Sportello Nazionale al numero 065571996 o all’indirizzo segreteria.sportello@codici.org. Il consiglio resta sempre quello di rivolgersi alle Forze dell’Ordine.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Giornale digitale fondato nel 2022 con l'intento di offrire al territorio "Una voce oltre la notizia". Nasce dall'esigenza di un gruppo di giornalisti ed esperti di comunicazione di creare un canale di informazione attendibile, laico e indipendente che dia voce ai cittadini, alle imprese, ai lavoratori, agli studenti!

CORRELATI
ALTRI ARTICOLI

Tangenti per un appalto, in manette il consigliere delegato ai lavori pubblici del Comune di Ponza

Ponza - Il 33enne avrebbe chiesto ed ottenuto 5000 euro da un imprenditore romano al fine di fargli ottenere un futuro lavoro

Morte Satnam Singh, il Questore rilascia un permesso di soggiorno alla moglie

Nella circostanza è stato rilasciato un permesso di soggiorno per motivi definiti di “protezione speciale”

Alla guida con la patente revocata e tenta di fuggire al controllo: denunciato

Fondi - Mentre i poliziotti stavano procedendo al controllo, l’uomo ha messo in moto l’auto tentando di scappare

Si allontana dopo l’incidente senza soccorrere una 80enne: denunciato

L'episodio si è verificato a Sezze. I Carabinieri dopo le attività d'indagine sull'incidente hanno denunciato un 53enne di Priverno

Sorpresi con armi irregolari e droghe: in manette due uomini

Sabaudia - I due venivano trovati in possesso di una doppietta calibro 12 con matricola abrasa e canne tagliate

Cocaina, hashish e marijuana tra i cespugli: il sequestro

Latina - Riscontrate in alcune attività violazioni alle norme sui documenti commerciali e omissione di pagamenti dei canoni Rai
- Pubblicità -

Condividi sui social

- Pubblicità -

Più letti

- Pubblicità -
- Pubblicità -