“Decoro Via Morosini”, il 24 marzo manifestazione contro l’immobilismo

"L’immobilismo nell’affrontare questa drammatica situazione non fa che aumentare l’esasperazione dei cittadini". Mobilitazione con la Cisl

Il Comitato “Decoro di Via Morosini” ha deciso di aderire insieme alla Cisl di Latina alla mobilitazione generale della città presso Piazza della Libertà il 24 marzo alle ore 18, visto il mancato intervento delle istituzioni relativamente al degrado ed al mancato decoro del quartiere

Le problematiche ben rappresentate alle Istituzioni sembrano essere cadute nel dimenticatoio quando invece la situazione peggiora di giorno in giorno e necessita di un intervento urgente proprio a salvaguardare quelle Persone fragili ed in balia degli eventi e del loro fragile destino.

”Ci aspettavamo – dichiara Roberto Cecere, Segretario Generale della Cisl di Latina – vista l’urgenza espressa nell’incontro un intervento tempestivo da parte di chi rappresenta lo Stato, visto che la città vive l’assenza del Sindaco che è espressione della politica. Non è accettabile che a distanza di 15 giorni nulla si è fatto rispetto ad un intervento sostanziale per avviare un percorso comprensivo di decoro, sicurezza e dignità”.

“L’immobilismo nell’affrontare questa drammatica situazione non fa che aumentare l’esasperazione proprio dei suddetti cittadini che non vedendo azioni concrete possono far scaturire  azioni di intolleranza, o viceversa il verificarsi di reati di aggressione come si apprende dalla recente cronaca. Di fatto i negozianti proprio per paura anticipano la chiusura delle proprie attività commerciali, proprio per evitare che si verifichino brutti episodi”.

“Occorre ridare una dignità sia alle persone indigenti sia alla comunità che dopo tanti appelli vuole alzare la testa e guardare avanti per risolvere problematiche sociali, di decoro e sicurezza che interessano tutti. La tempistica nel mettere in campo azioni per ristabilire un quadro di normalità e di prevenzione è fondamentale, intervenire solo dopo un fatto di cronaca è un fallimento di tutti. Abbiamo percorso tutta la strada del dialogo e del confronto – conclude Cecere – ma se non giungono soluzioni adeguate e tempestive non rimane altro che scendere in piazza proprio nel luogo dove risiede la rappresentanza dello Stato”.  

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Giornale digitale fondato nel 2022 con l'intento di offrire al territorio "Una voce oltre la notizia". Nasce dall'esigenza di un gruppo di giornalisti ed esperti di comunicazione di creare un canale di informazione attendibile, laico e indipendente che dia voce ai cittadini, alle imprese, ai lavoratori, agli studenti!

CORRELATI
ALTRI ARTICOLI

Terracina – Collegamenti con le isole: la maggioranza risponde a Di Sauro

"Da subito ci siamo mossi per impedire che il nostro porto venisse escluso dal trasporto merci per le isole"

Turismo, Palazzo: “Congratulazioni a nuovi vertici Enit, pronti a collaborare”

"Forte del supporto del Ministero del Turismo, si prospetta un futuro di pieno rilancio del turismo in Italia e nella nostra regione"

Sanità, rinnovato accordo per mille euro al mese ai medici di pronto soccorso

Il provvedimento è frutto di un accordo tra la Direzione Salute e Integrazione sociosanitaria e le organizzazioni sindacali

Agricoltura, stanziati 150mila euro per lotta biologica a cimice asiatica e moscerino dei piccoli frutti

Il provvedimento affida all'Agenzia regionale per lo Sviluppo e l'Innovazione dell'Agricoltura l'attivazione e la gestione dei progetti

Rete dei musei, a Piana delle Orme la firma del protocollo d’intesa

"La Rete dei musei ci dà un’ulteriore carica per affrontare l’audizione al Ministero della Cultura per la Capitale Italiana della cultura"

Regione – Carceri, Regimenti: “Investire nel reinserimento sociale dei detenuti”

"Il carcere non può essere solo uno strumento di punizione, ma deve avere come scopo primario quello di reinserire il colpevole nella società"
- Pubblicità -

Condividi sui social

- Pubblicità -

Più letti

- Pubblicità -
- Pubblicità -