Chiesa di San Giovanni e Santa Maria della Neve, stanziati oltre tre milioni dal Ministero della Cultura

Lavori importanti e necessari per restituire alla comunità due preziosi gioielli del patrimonio storico e culturale di Terracina

Altre due meraviglie di Terracina torneranno alla Città. Il Ministero della Cultura ha stanziato infatti fondi per oltre 3 milioni di euro per il recupero della Chiesa di San Giovanni e la Chiesa Santa Maria della Neve. Si tratta delle risorse assegnate dal Ministero per l’adeguamento e la messa in sicurezza nei luoghi di culto, “luoghi identitari – come sottolineato dal Ministro della Cultura Gennaro Sangiuliano – che testimoniano cultura e storia dei territori, e che possono diventare un’occasione di sviluppo socio-economico”. Per la Chiesa di San Giovanni il Ministero ha stanziato 2 milioni e 200 mila euro, mentre per Santa Maria della Neve sono 900 mila euro i fondi stanziati.

Lavori importanti e necessari per restituire alla comunità due preziosi gioielli del patrimonio storico e culturale di Terracina.

La Chiesa di San Giovanni è una delle più antiche di Terracina insieme alla Cattedrale. Le sue origini risalgono al IX secolo, e già nel XII – XIII secolo, quando era ancora la Chiesa di San Lorenzo, viene ricordata come una delle più importanti della Città in quanto Chiesa parrocchiale. Nel XVII secolo, quando la Chiesa viene completamente ristrutturata e riconsacrata, assume il titolo di San Giovanni Battista ed Evangelista. Un edificio sacro in stile tardo barocco, che conserva la parte medievale con il presbiterio, la zona absidale e il campanile.

Lavori importanti anche per la chiesa Santa Maria della Neve, che si trova sul percorso pedemontano che univa la Chiesa della Delibera con quella di Santa Maria della Stella. La piccola Chiesa risale alla prima metà del ‘700, e viene menzionata nel più antico documento notarile ufficiale nel 1730 con il nome di Santa Maria delle Fosse. Una struttura che adesso riprenderà vita permettendo anche di recuperare un tracciato antico e di grande pregio dal punto di vista paesaggistico e anche storico, considerato che proprio vicino la Chiesa si trova l’Antico Acquedotto di San Lorenzo dell’Amaseno.

«Un ringraziamento dovuto al Governo Meloni e al Ministro della Cultura Gennaro Sangiuliano che ancora una volta con questi finanziamenti importanti ci permetteranno di “salvare” due preziosissimi gioielli restituendoli non soltanto ai cittadini ma a tutti i turisti che vorranno venire a visitarli. Altri tasselli di grandissima importanza del nostro immenso patrimonio storico e culturale che troveranno adesso nuova vita», ha dichiarato l’Assessore alla Cultura e al Turismo Alessandra Feudi. 

«Grazie al Ministero della Cultura riceviamo un contributo fondamentale e importante a sostegno delle nostre Chiese, che rappresentano un pezzo importante della storia della nostra Terracina: la suggestiva Chiesa della Madonna della Neve, e poi una delle più antiche di Terracina, nel cuore del centro Storico, San Giovanni. Non soltanto un immenso valore dal punto di vista storico, ma anche due luoghi molto cari alla nostra comunità che ora torneranno alla Città. Un altro passo avanti nel nostro percorso per riaprire tutti i nostri splendidi luoghi di storia e di cultura», ha dichiarato il Sindaco Francesco Giannetti.  ​

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Giornale digitale fondato nel 2022 con l'intento di offrire al territorio "Una voce oltre la notizia". Nasce dall'esigenza di un gruppo di giornalisti ed esperti di comunicazione di creare un canale di informazione attendibile, laico e indipendente che dia voce ai cittadini, alle imprese, ai lavoratori, agli studenti!

CORRELATI
ALTRI ARTICOLI

Sezze – Manutenzione straordinaria e messa a norma dell’Istituto Comprensivo Valerio Flacco

Previsti una serie di interventi finalizzati all’efficientamento energetico e alle sistemazioni esterne della struttura

Energia elettrica, fine tutela nel caos: come orientarsi in questa fase tra dubbi e incertezze

In questa fase si assiste ad un accentuarsi del teleselling selvaggio. Lo denuncia l’associazione degli utility manager Assium

Parrucchieri, estetisti, autisti di bus e pasticceri: i mestieri che nessuno vuole più fare e perché

I "mestieri di una volta" non fanno gola ai giovani, che preferiscono puntare altro e così in alcuni settori la domanda supera l'offerta

Lavoro, UGL Lazio: “Bene ordinanza per il caldo, oggi riunione importante con Schiboni”

Bene l’ordinanza del Presidente Rocca, che ha stabilito nuove misure per la tutela della salute dei lavoratori esposti al caldo eccessivo

Un ponte tra imprese e innovazione, nominato il nuovo Cda del Pa.L.Mer

Si rinnovano così la sinergia tra Camera di Commercio ed Unicas per il riposizionamento competitivo dei sistemi imprenditoriali locali

Colonie estive per bambini con disabilità, l’assessore Nasso: “Partiranno regolarmente”

L'assessore chiarisce: "Predisposta una delibera che verrà approvata nella prossima seduta di giunta comunale”
- Pubblicità -

Condividi sui social

- Pubblicità -

Più letti

- Pubblicità -
- Pubblicità -