Carenza di Oss negli ospedali, la Uil scrive all’Azienda Sanitaria

Secondo il sindacato si rende necessario ed indispensabile un intervento per garantire cure e assistenza dignitose alla persona

La grave carenza di personale OSS negli ospedali pontini rende necessario ed indispensabile un intervento per garantire cure e assistenza dignitose alla persona. È questo il concetto che ha voluto esprimere il segretario generale della UIL FLP Latina, Giancarlo Ferrara, in una nota indirizzata alla direttrice generale della ASL Latina, Silvia Cavalli nella quale si legge: “La UIL FPL Latina in coerenza con le politiche sindacali nazionali e regionali, quali le assunzioni di personale, la sicurezza sui posti di lavoro e la reinternalizzazione dei servizi, interviene ancora una volta sulla irrisolta questione relativa alla carenza di circa 400 unità di personale OSS nella Asl di Latina. Nessuno può sottacere rispetto a questa palese e drammatica situazione assistenziale, infatti, la Asl di Latina, con soli e circa n. 60 OSS in dotazione organica, è in fortissimo ritardo in merito alla garanzia di cure dignitose alla persona.

La scrivente Organizzazione Sindacale ritiene che la vera umanizzazione delle cure inizia proprio attraverso una offerta di servizi dignitosi in termini di accudimento dell’ammalato, onde soddisfare le quotidiane e semplici esigenze fisiologiche quali cure igieniche, aiuto nell’alimentazione durante i tre pasti principali, deambulazione assistita, posizionamento nel letto, trasporto infermi, rifacimento letto e riordino ausili, cambio pannoloni ed assistenza alla minzione e alvo. Come si può garantire tutto ciò se in molti reparti è completamente sprovvista la figura OSS, inoltre nei pochi servizi “fortunati” l’OSS lavora in turno spesso da solo, quindi costretto a sostenere altissimi carichi di lavoro e a dover finanche movimentare pazienti inermi e pesantissimi”.

La denuncia della Uil Flp di Latina è quella di una grave e insostenibile situazione di “carenza OSS”, poiché lesiva per la salvaguardia della salute e sicurezza negli ambienti di lavoro per i dipendenti interessati costretti a subire altissimi carichi di lavoro e soprattutto perché lede l’utente bisognevole, privato, di fatto, dall’assistenza ordinaria, indispensabile per il pieno rispetto e cura dell’individuo. Le richieste sono di immediata assunzione del personale finalizzato a colmare le insostenibili carenze, in ossequio alla vigente legislazione riguardante la garanzia degli standard minimi assistenziali per l’esercizio sanitario nelle strutture pubbliche, convenzionate e private, finalizzata alla garanzia di servizi efficienti e alla salvaguardia della persona, nonché al rispetto della vigente normativa riguardante la sicurezza e salute del lavoratore.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Giornale digitale fondato nel 2022 con l'intento di offrire al territorio "Una voce oltre la notizia". Nasce dall'esigenza di un gruppo di giornalisti ed esperti di comunicazione di creare un canale di informazione attendibile, laico e indipendente che dia voce ai cittadini, alle imprese, ai lavoratori, agli studenti!

CORRELATI
ALTRI ARTICOLI

Terracina – Collegamenti con le isole: la maggioranza risponde a Di Sauro

"Da subito ci siamo mossi per impedire che il nostro porto venisse escluso dal trasporto merci per le isole"

Turismo, Palazzo: “Congratulazioni a nuovi vertici Enit, pronti a collaborare”

"Forte del supporto del Ministero del Turismo, si prospetta un futuro di pieno rilancio del turismo in Italia e nella nostra regione"

Sanità, rinnovato accordo per mille euro al mese ai medici di pronto soccorso

Il provvedimento è frutto di un accordo tra la Direzione Salute e Integrazione sociosanitaria e le organizzazioni sindacali

Agricoltura, stanziati 150mila euro per lotta biologica a cimice asiatica e moscerino dei piccoli frutti

Il provvedimento affida all'Agenzia regionale per lo Sviluppo e l'Innovazione dell'Agricoltura l'attivazione e la gestione dei progetti

Rete dei musei, a Piana delle Orme la firma del protocollo d’intesa

"La Rete dei musei ci dà un’ulteriore carica per affrontare l’audizione al Ministero della Cultura per la Capitale Italiana della cultura"

Regione – Carceri, Regimenti: “Investire nel reinserimento sociale dei detenuti”

"Il carcere non può essere solo uno strumento di punizione, ma deve avere come scopo primario quello di reinserire il colpevole nella società"
- Pubblicità -

Condividi sui social

- Pubblicità -

Più letti

- Pubblicità -
- Pubblicità -