Botte e violenze sessuali alla moglie, divieto di avvicinamento per un georgiano

Nei giorni scorsi, la Polizia di Stato di Fondi ha proceduto ad eseguire l’Ordinanza di applicazione della misura cautelare personale del divieto di avvicinamento alla persona offesa ai luoghi da questi frequentati abitualmente e ai prossimi congiunti, nei confronti di un cittadino Georgiano, di 29 anni, residente in Itri.

La misura, emessa dal GIP di Cassino, su proposta della Locale Procura della Repubblica, si rendeva necessaria, poiché il soggetto, con più azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso, costringeva la moglie convivente, con violenze e minacce, a subire atti sessuali completi, insultandola e denigrandola. Inoltre, la donna era stata costretta a subire altre umiliazioni e maltrattamenti, soprattutto nei casi in cui il coniuge era in stato di alterazione psicofisica, dovuta all’assunzione di alcol e stupefacenti, condotte che in più occasioni si manifestavano anche in presenza dei due piccoli figli, anche loro costretti ad assistere alla violenza del padre. Questi, riferendosi alla moglie, la offendeva riguardo il suo aspetto fisico, sputava nel piatto che gli veniva preparato perché non apprezzava le sue doti culinarie, la pizzicava e la prendeva a calci sulle caviglie, minacciandola di portarle via i figli e di riparare all’estero. In un’occasione recente, dopo aver sputato nella tazza del caffè e sul viso, l’afferrava scaraventandola a terra e minacciandola di morte, sotto gli occhi atterriti dei figli che tentavano di frapporsi alla furia del genitore, per tutelare l’altro. Sulla base di quanto ricostruito nel corso delle indagini svolte dalla Polizia di Stato, il Giudice riteneva ricorrere i presupposti di gravità ed urgenza che rendessero necessario il provvedimento, al fine di impedire la reiterazione delle condotte vessatorie del quale l’indagato si era reso responsabile.

L’indagato, che dovrà affrontare il processo per i reati contestati, non potrà far rientro nell’abitazione coniugale e dovrà mantenersi ad una distanza di almeno 500 metri dalla vittima e dai congiunti, in particolare i propri figli, nonché dai luoghi da questi frequentati abitualmente. Veniva inoltre disposta l’applicazione del braccialetto elettronico, che segnalerà tempestivamente alle Forze dell’Ordine eventuali trasgressioni alle prescrizioni imposte.”

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Giornale digitale fondato nel 2022 con l'intento di offrire al territorio "Una voce oltre la notizia". Nasce dall'esigenza di un gruppo di giornalisti ed esperti di comunicazione di creare un canale di informazione attendibile, laico e indipendente che dia voce ai cittadini, alle imprese, ai lavoratori, agli studenti!

CORRELATI
ALTRI ARTICOLI

Aggredisce il titolare di un’officina e si scaglia contro i Carabinieri: 40enne in manette

Maenza - L'uomo sottoposto a perquisizione veniva trovato in possesso di un cacciavite della lunghezza di 22 cm e di un martelletto

Truffe agli anziani, 80 episodi in sei mesi: 17 persone in manette

l gruppo criminale era dotato di una vera e propria “Centrale chiamante”. Coinvolta anche la città di Latina tra i vari episodi

Frode fiscale e auto-riciclaggio internazionale, arresti anche a Latina

L'operazione "Perno D'Oriente" condotta dai Finanzieri del Comando Provinciale di Frosinone si è estesa fino alla provincia pontina

Tentano di rubare un’auto nel parcheggio della stazione, arrestati in due

In manette un 28enne e un 34enne colti i flagranza di reato. All'interno della loro auto arnesi per lo scasso e una centralina

Truffa con l’agenzia di riscossione dei tributi, denunciata la titolare

Latina - Nei guai una donna che si appropriava indebitamente delle somme corrisposte dagli ignari cittadini in buona fede

Travolto da un’auto sulla Pontina, grave un uomo

L’urto è stato violentissimo e ha provocato all’uomo una serie di lesioni molto gravi, compreso un trauma cranico
- Pubblicità -

Condividi sui social

- Pubblicità -

Più letti

- Pubblicità -
- Pubblicità -