Borsellino, 30 anni senza verità: il 19 luglio 1992 la strage di via D’Amelio

Il fratello del magistrato ucciso, Salvatore Borsellino, afferma “Silenzio alle passerelle. Silenzio alla politica”

“Avremmo voluto celebrare il trentesimo anniversario della strage di via d’Amelio con una vittoria sulla mafia e quindi con la scoperta della verità per dare giustizia ai familiari e alle vittime. Purtroppo sarà anche quest’anno solo un appuntamento rimandato. Fin quando non si farà chiarezza sui tanti depistaggi, fin quando la politica non farà leggi antimafia dignitose della memoria e dell’operato dei magistrati e degli uomini delle forze dell’ordine che per lo Stato sono stati uccisi”. Lo si legge in una nota di Salvatore Borsellino, fratello del magistrato ucciso nella strage del 19 luglio 1992, e del movimento Agende rosse.

Sono passati trenta lunghi anni senza verità – si legge -. Sono stati celebrati numerosi processi ma ancora attendiamo di conoscere tutti in nomi di coloro che hanno voluto le stragi del ’92-’93. Abbiamo chiaro che mani diverse hanno concorso con quelle di Cosa nostra per commettere questi crimini ma chi conosce queste relazioni occulte resta vincolato al ricatto del silenzio“.

Borsellino e le Agende rosse ora chiedono il silenzio: “Silenzio alle passerelle. Silenzio alla politica. Perché invece di fare tesoro di ciò che in questi trent’anni è successo, ci accorgiamo che la lotta alla mafia non fa più parte di nessun programma politico. Anzi, alcuni recenti provvedimenti legislativi, come la cosiddetta riforma che introduce il principio dell’improcedibilità per numerosi tipi di reati e la cosiddetta riforma dell’ergastolo ostativo in discussione presso il Senato, fanno carta straccia degli insegnamenti di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Adesso basta con queste disonestà – ancora la nota -. I cittadini si aspettano dalle istituzioni azioni concrete, dissociazioni dalla mafia e soprattutto trasparenza per riavere la loro fiducia. Quest’anno la nostra giornata di memoria si intitolerà ‘Il Suono del Silenzio’ e poiché niente deve poter rompere questo silenzio, se non la musica, ci sarà in via D’Amelio soltanto una pedana sopra la quale un grande violoncellista, Luca Franzetti, che abbiamo scelto non soltanto per la sua arte ma anche per il suo grande impegno civile, suonerà e commenterà le sei suites per violoncello solo di Johann Sebastian Bach, in particolare la numero 2, ispirata alla rabbia e la numero 3, ispirata all’amore”.

Fonte www.dire.it (Agenzia di Stampa Nazionale)

- Pubblicità -
Simone Di Giulio
Simone Di Giulio
Direttore Responsabile Simone Di Giulio inizia a scrivere nel 2003 e nel 2006 entra nell’albo dei Pubblicisti dell’Ordine dei Giornalisti. Vanta diverse esperienze come redattore e corrispondente in alcuni quotidiani della provincia di Latina, come “Il Territorio” e “Il Tempo”. È stato direttore della rivista “Utopia Magazine”, del quotidiano online “Mondoreale” e caporedattore de “I Lepini”. Ha collaborato con alcune riviste e con enti pubblici ed ha partecipato come docente a corsi sulla comunicazione.

CORRELATI
ALTRI ARTICOLI

Travolta da un treno e uccisa assieme al suo cane: nessuna ipotesi esclusa

Imperia - La prima ipotesi è che l'anziana stesse cercando di trarre in salvo il cagnolino scappato ma non è escluso il gesto estremo

Infermiera incinta di 8 mesi muore di malore: gravissimo il piccolo

Pistoia - I medici hanno fatto di tutto per salvare la 37enne ma non ce l'ha fatta. Il bimbo, nato con cesareo, è in prognosi riservata

Lastra di cemento precipita dalla gru e travolge un operaio: il 45enne muore sul colpo

Cosenza - La Procura ha iscritto tre persone nel registro degli indagati. Si tratta del titolare della ditta e di due operai

Travolto da un bus mentre era in monopattino: 19enne muore sotto gli occhi degli amici

Bergamo - Il ragazzo stava spingendo a mano il suo veicolo per prendere al volo il bus ma è stato centrato dal mezzo pubblico

Padre spara e uccide la figlia disabile, poi si toglie la vita: città sotto shock

Avellino - Sull’omicidio-suicidio indaga la Polizia. Il 63enne ha aperto il fuoco con una pistola regolamentata detenuta

Cadavere di donna trovato in un dirupo: mistero sulle cause della morte

Palermo - Non è chiaro al momento se la donna sia stata uccisa, si sia tolta la vita o sia vittima di un incidente fatale
- Pubblicità -

Condividi sui social

- Pubblicità -

Più letti

- Pubblicità -
- Pubblicità -