Aggressioni in corsia: si lavora per aumentare la sicurezza negli ospedali

Sono mille le aggressioni agli operatori sanitari in un anno a livello nazionale, più altre duemila circa non denunciate. Circa il 10% a Roma

Sono circa mille le aggressioni agli operatori sanitari in un anno a livello nazionale, più altre duemila circa non denunciate. Circa il 10 per cento nella Capitale e nell’hinterland, compreso l’ospedale dei comuni di Anzio e Nettuno, in cui purtroppo non sono mancati episodi anche gravi. E poi liti, furti, anche molestie sessuali nei reparti. Dopo una serie di episodi, l’ultimo dei quali al San Camillo di Roma, la Prefettura ha deciso di monitorare la situazione. In programma c’è una ricognizione dei posti di polizia dei nosocomi romani per capire quali siano ancora operativi e prendere le opportune iniziative.

Che saranno discusse nei prossimi Comitati provinciali per l’ordine e la sicurezza pubblica con l’obiettivo di difendere lavoratori e pazienti. Mesi fa l’assessore regionale alla Sanità Alessio D’Amato – che l’altro ieri ha sollecitato misure come il daspo urbano per colpire i violenti in corsia – aveva chiesto proprio al prefetto Matteo Piantedosi un incontro per aumentare la sicurezza negli ospedali e ripristinare dove possibile i presidi interni fissi, che con il passare del tempo sono stati chiusi.

Un discorso che si ripresenta ciclicamente dopo ogni assalto a un pronto soccorso: se n’era già parlato tre anni fa, durante un Comitato provinciale, ma fino a oggi poco è cambiato e anche il posto di Polizia dell’Ospedale Riunita era ed è rimasto chiuso. Al San Camillo, ad esempio, sono dovuti intervenire i militari dell’Arma, analoghe situazioni nelle settimane scorse a Tivoli, Civitavecchia e Anzio con la polizia chiamata dalla direzione degli ospedali e dai vigilantes. Eppure gli uffici coordinati dai commissariati di zona sono rimasti in molti casi a disposizione della Questura. Negli anni scorsi alcune organizzazioni sindacali di categoria avevano criticato la razionalizzazione degli uffici, che aveva portato anche alla chiusura di alcuni commissariati periferici. Ma ora forse, con le aggressioni in corsia sempre più numerose, si pensa di poter tornare indietro.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Giornale digitale fondato nel 2022 con l'intento di offrire al territorio "Una voce oltre la notizia". Nasce dall'esigenza di un gruppo di giornalisti ed esperti di comunicazione di creare un canale di informazione attendibile, laico e indipendente che dia voce ai cittadini, alle imprese, ai lavoratori, agli studenti!

CORRELATI
ALTRI ARTICOLI

Ustionato dalla trebbiatrice, è morto Luigi Guerriero

L’uomo era stato avvolto dalle fiamme provenienti dal mezzo e scaturite molto probabilmente da un corto circuito

Ristretto ai domiciliari a Napoli, viene fermato a Gaeta dai Carabinieri: arrestato

Gaeta - Il giovane, senza alcun documento con sè, ha fornito a voce le sue generalità risultate poi essere false

Temporali e piogge sparse: domani allerta gialla su tutta la regione e le isole

Previste precipitazioni sparse a prevalente carattere di rovescio o temporale, su Lazio settentrionale, orientale e isole Pontine

Deve scontare due anni per rapina e tentata estorsione in concorso, ai domiciliari un 61enne

L'uomo, residente ad Ardea ma di fatto domiciliato ad Aprilia, deve espiare la pena per il reato commesso a Roma nel 2009

Soldi in cambio di like e commenti? Non cadere nella truffa

Si tratta di una truffa che promette facili guadagni per compiere semplici attività a cui segue richiesta di denaro per sbloccare fondi

Ruba abbigliamento per 1.400 euro, denunciato un 31enne indiano

Formia - L'uomo si è reso protagonista di tre distinti furti commessi con violenza, due nel novembre del 2023 e uno più recente
- Pubblicità -

Condividi sui social

- Pubblicità -

Più letti

- Pubblicità -
- Pubblicità -